Calcio: Fiorentina. Venuti “No proclami, Italiano può darci tanto”

4 minuti di lettura

L'esterno viola "Il primo step deve essere trovare un'identità" FIRENZE (ITALPRESS) – "Negli ultimi anni siamo sempre partiti facendo proclami, dicendo si arriva in Europa, si arriva di qua, si arriva di là, e poi ci siamo trovati a lottare per realtà che non ci appartenevano, e che nessuno pensava di dover affrontare. Quindi sono pienamente d'accordo con Bonaventura che bisogna partire coi piedi per terra". Lorenzo Venuti dal ritiro viola di Moena in Val di Fassa, professa umiltà e, unendosi a quanto dichiarato pochi giorni fa dal compagno di squadra 'Jack' Bonaventura, chiede a se stesso e alla Fiorentina di non fare, almeno in questa fase di preparazione estiva, voli pindarici in vista della prossima stagione. "Il primo step deve essere trovare un'identità, poi si potranno decidere quali obiettivi raggiungere". Venuti ha iniziato questo ritiro con maggiori certezze sulla sua permanenza futura in maglia viola, di cui è diventato sempre di più negli ultimi mesi un elemento molto importante, in campo e fuori. "Sto vivendo questo momento come un sogno che si avvera. Sono contento di come siano andate le cose, spero di poter continuare così", ha spiegato il classe '95 toscano indicato fra l'altro sabato scorso dai tifosi viola presenti a Moena come esempio da seguire per gli altri elementi della Fiorentina visto il suo attaccamento ai colori gigliati. "Per me è motivo d'orgoglio perché è quello che ogni volta che scendo in campo che cerco di trasmettere – ha puntualizzato Venuti -. Se quindi i tifosi se ne sono accorti, e se dentro lo spogliatoio i miei compagni se ne rendono conto, vuol dire che per quelli che sono i miei valori sto facendo un buon lavoro". Proprio a Venuti è stato chiesto perché a suo avviso, da tifoso viola, Dusan Vlahovic dovrebbe rimanere nella Fiorentina. "Io credo che Dusan abbia un futuro davanti forse inimmaginabile – ha risposto Venuti -. Quello che gli dico è che è giusto che insegua i suoi sogni. Dusan se vuole restare è giusto che rimanga, se avesse in mente altro non si allenerebbe come si sta allenando. Però, ripeto, allo stesso tempo è giusto che insegua i suoi sogni e vada dove pensa che possa aiutarlo ad arrivare più lontano possibile". Chi proverà non solo a trattenere in maglia viola Vlahovic, ma a farlo crescere in termini di rendimento personale e di squadra, come anche il resto della rosa della Fiorentina, è il neo tecnico Vincenzo Italiano. "Quello che parla per il mister sono i risultati, il fatto di essere partito dal basso ed aver vinto campionati. Credo quindi che a livello mentale sia un vincente, e lo posso dire avendo visto il campionato dell'anno scorso dello Spezia: sono riusciti a raggiungere una salvezza con una cosa fondamentale che non tutti hanno, ovvero l'identità. Credo che questo sia il primo obiettivo che noi dobbiamo avere ascoltando quello che ci dice il mister", ha sottolineato infine Venuti. (ITALPRESS). lc/mra/pdm/red 27-Lug-21 14:06

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bronzo per l’Italscherma nella spada a squadre donne

Articolo successivo

Festa taekwondo con Dell’Aquila, Cito “Enorme soddisfazione”

0  0,00