Calcio: Benassi “Unità intenti, Italiano e Vlahovic per grande Viola”

4 minuti di lettura

Il centrocampista in cerca di rilancio dopo un anno di infortuni: "Stagione sportivamente drammatica" FIRENZE (ITALPRESS) – "Ci tenevo a dire un grazie veramente enorme, oltre che a mia moglie e ai miei figli che hanno sempre creduto in un mio ritorno in campo, a tutte quelle persone che spesso stanno dietro le quinte, che compaiono poco davanti alle telecamere, mi riferisco ai due dottori, cinque fisioterapisti, quattro magazzinieri, al nutrizionista, allo chef e ai camerieri che ci seguono sempre". Marco Benassi, dal ritiro viola di Moena, ringrazia chi gli è stato vicino in una stagione, l'ultima, contraddistinta da un lunghissimo infortunio che non lo ha visto mai scendere in campo con il Verona, club che lo aveva ingaggiato con la formula del prestito. "Penso di parlare anche per i miei compagni, ma glielo dico sempre che sono come parte della mia famiglia – ha aggiunto Benassi -. L'anno scorso sono venuto due volte a Firenze per i problemi che ho avuto, mi hanno aiutato tantissimo, sono professionisti di alto livello anche dal punto di vista umano e ci tenevo a sottolinearlo". L'incubo di Benassi è iniziato da un infortunio patito a Parma due stagioni fa "poi sono andato a Verona, ero guarito, ma dopo due settimane mi sono fatto male e da lì è stato tutto un susseguirsi di infortuni – ha raccontato il viola -. E' stato un anno sportivamente drammatico, penso di aver fatto 12-13 allenamenti". Il passato è alle spalle e il Benassi che si sta vedendo nel ritiro di Moena ne è la dimostrazione. "La cosa più importante per me era iniziare ad allenarmi con regolarità, sapevo di essere indietro dopo un anno senza giocare. Pero' io lavoro ogni giorno per trovare un posto da titolare, per mettere in difficoltà il mister nelle scelte, l'obiettivo di quest'anno sarà sicuramente rilanciarmi". Il miglior Benassi si è visto nel Torino. "Lì ho fatto un'esperienza stupenda ma come ho detto tutte le estati, io da Firenze non vorrei mai andare via perché sto bene, intorno ho delle persone fantastiche, i tifosi non fanno mai mancare niente e la mia famiglia sta benissimo. La mia intenzione è quella di rimanere qua. Poi nel mercato puo' sempre succedere di tutto ma io non ho veramente dubbi". Idee chiare anche dal punto di vista della squadra. "Bisogna cercare di creare un gruppo unico con tutte le componenti: tifosi, giocatori, società, ma anche voi giornalisti. Io sono convinto che con tutta la città di Firenze a sostegno della squadra, si possa veramente lavorare bene". "Quest'anno abbiamo iniziato un percorso nuovo, con un allenatore che ha un'idea molto precisa, noi ci siamo messi subito a disposizione perché abbiamo visto questa voglia che ha di trasmettere determinate cose che noi stiamo cercando di mettere in pratica. Uniti possiamo veramente toglierci delle soddisfazioni", ha spiegato Benassi che punta forte su Dusan Vlahovic. "L'ho visto crescere, c'ero quando e' arrivato. Ha avuto un'esplosione incredibile. Secondo me ha ancora grandi margini di miglioramento, puo' diventare veramente un top nel suo ruolo, deve semplicemente continuare a lavorare come sta facendo perché è uno che lavora duro tutti i giorni, ci mette tutto quello che ha per migliorarsi. Se continua con voglia e passione può veramente diventare un top-player più di quanto già non sia". (ITALPRESS). lc/ari/red 28-Lug-21 14:05

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg News – 28/7/2021

Articolo successivo

I portici di Bologna diventano patrimonio Unesco

0  0,00