Clima, calano emissioni gas serra ma Italia sempre più calda

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Le performance climatiche dell'Italia, nel 2020, anno della pandemia, hanno registrato, a causa della grave recessione che ha fatto scendere i consumi energetici, la diminuzione delle emissioni di gas serra che però negli ultimi 30 anni sono calate appena la metà del taglio necessario a centrare il target del -55% al 2030; lo stallo delle rinnovabili che non crescono da un decennio e nel 2020 sono addirittura diminuite (-400 mila te. Il Covid non arresta poi la crisi climatica: l'Italia, è sempre più "calda", rispetto al 1880 la temperatura media è aumentata di quasi 2,4°C – molto più della media mondiale di circa +1°C e nel solo 2020 sono stati censiti in Italia quasi 1.300 eventi meteorologici estremi connessi al cambiamento climatico. Ma nel 2020 ci sono anche segnali incoraggianti: la drastica riduzione dell'uso del carbone, il boom delle vendite di auto elettriche e ibride che coprono ora circa il 20% del mercato. La fotografia dell'Italia del clima è contenuta nel Rapporto realizzato da Italy for climate. "Gli eventi generati dalla crisi climatica- ha sottolineato Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile – sono sempre più drammatici. In Italia, solo nell'ultimo mese, la Sardegna sta bruciando, Milano e la Lombardia sono andate sott'acqua e hanno sperimentato grandinate eccezionali, l'Europa è stata colpita da quella che è stata definita l'alluvione del secolo. Incendi e alluvioni si succedono con frequenza e gravità in continuo peggioramento in varie parti del mondo. L'attenzione dei cittadini e del media è fortemente cresciuta, manca, invece, un'adeguata accelerazione delle misure, concrete e impegnative, di riduzione dei gas serra. Se aspettiamo che partano tutti per aumentare il nostro passo, saremo travolti dalla crisi climatica. Insieme all'Europa dobbiamo incalzare i ritardatari – a partire dalla Cina che sta rinviando misure incisive per il clima – dimostrando che siamo in grado di realizzare rapidamente un'economia climaticamente neutrale, con maggior benessere e più occupazione e tassando adeguatamente le importazioni di prodotti ad alte emissioni provenienti da Paesi che non si impegnano per il clima". (ITALPRESS). ads/com 29-Lug-21 12:37

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bronzo per le azzurre nel fioretto femminile a squadre

Articolo successivo

Tokyo2020: Atletica. Jacobs “Finale 100 metri alla mia portata”

0  0,00