Tokyo2020: Atletica. Jacobs “Finale 100 metri alla mia portata”

3 minuti di lettura

"Obiettivo difficile, ma non impossibile, c'è solo da correre forte", le parole del velocista azzurro TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – "La finale è un obiettivo difficile, certo, ma obiettivamente è alla mia portata". Marcell Jacobs ci crede. Il texano di Desenzano del Garda, nato a El Paso da madre italiana e padre americano, ma trasferitosi nel bresciano a soli 3 anni, non ha paura di dire quello che sogna: la finale dei 100 metri ai Giochi di Tokyo. "Del resto questo non è solo quello che pensano gli altri di me, ma anche il mio obiettivo. È quello che voglio, che mi sono fissato come traguardo stagionale – spiega Jacobs – È vero, siamo in tanti a correre per la finale: gli statunitensi Bromell, Baker e Kerley, anche se di solito statisticamente un americano si perde per strada; i sudafricani Simbine e Leotlela; il canadese De Grasse, che non sbaglia un colpo; il giapponese Yamagata, il cinese Su, e altri ancora. E ovviamente anche io. Siamo tanti, è vero, ma credo che sia anche normale ad un'Olimpiade. Bisognerà vedere quello che succederà in campo, nei turni, perché magari a questi nomi se ne aggiungeranno altri. Dipende da tanti fattori, dalle condizioni esterne, dalle condizioni mentali degli atleti: e poi, alla fine, chi sbaglia meno porta a casa il risultato". "Che tempo servirà per la finale? Non voglio pensarci, in passato non sono mai riuscito ad indovinarlo, come ai Mondiali di Doha – prosegue Jacobs – Sento solo che si dovrà correre forte, e tanto mi basta. Se lo stadio vuoto potrà condizioare? Mah, per quanto mi riguarda direi non più di tanto. Certo, non è bello che non ci sia il pubblico a sostenerti. Ma nella nostra specialità, non c'è normalmente tanta interazione con la gente, come per esempio per i saltatori. Alla fine non influirà più di tanto. Il fatto che nessun italiano sia mai arrivato in una finale dei 100 è decisamente uno stimolo. E mi fa anche piacere che le persone ci contino, non è un problema. Vuol dire che tanti credono in me, che mi hanno conosciuto in questi mesi, in questi anni di esperienza sul campo, e adesso vogliono vedermi arrivare lontano. Sono attestati di stima, che mi danno energia". (ITALPRESS). pal/red 29-Lug-21 12:33

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Clima, calano emissioni gas serra ma Italia sempre più calda

Articolo successivo

Tokyo2020: Pesi. Bordignon e Zanni accolti in Italia con “festa”

0  0,00