Tokyo2020: Pesi. Bordignon e Zanni accolti in Italia con “festa”

2 minuti di lettura

Per le due medaglie olimpiche striscioni e bandiere a Fiumicino ROMA (ITALPRESS) – Sono rientrate ieri sera in Italia, all'aeroporto di Fiumicino, le due medaglie olimpiche della pesistica azzurra, ovvero Giorgia Bordignon (argento nella 64 kg) e Mirko Zanni (bronzo nella 67 kg). Con loro Davide Ruiu (sesto nella 61 kg) e Grazia Alemanno (undicesima nella 59 kg). Ad accoglierli con tanto di striscioni, trombette e bandiere, i loro compagni di Nazionale, amici, tifosi e il presidente della Federazione Italiana Pesistica, Antonio Urso. Gioia incontenibile per gli azzurri, che si sono goduti la "festa", tenendo strette le loro medaglie. "Bello tornare a casa e avere un'accoglienza così calorosa. Sono ancora senza parole perché non ho ben capito cosa ho fatto; continuo a vedere i video ma non riesco a capacitarmi fino in fondo. Eppure sono proprio io quella dei video. Questa medaglia è meravigliosa ed è una bella soddisfazione aver tirato fuori quello che non sono mai riuscita a esprimere in questi anni, e averlo fatto sul palcoscenico più importante. E' arrivata la medaglia, con un sorriso immenso e tante lacrime di gioia", ha dichiarato Giorgia Bordignon. "Mi aspettavo una bella accoglienza ma non così tanto: è meraviglioso. Forse inizio a realizzare un pochino quello che è successo ma ancora non completamente. I video li ho rivisti centinaia di volte, ho fatto le 6 del mattino ma niente ancora non mi capacito. L'obiettivo è stato in parte raggiunto perché ci sono ancora due posizioni da scalare ma il sogno è quello di portare la pesistica ad un altro livello di conoscenza. Adesso sono ben felice di tornare a casa con un carico maggiore, quello della medaglia, e ben venga il torcicollo", ha detto invece Mirko Zanni. (ITALPRESS). pdm/com 29-Lug-21 12:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tokyo2020: Atletica. Jacobs “Finale 100 metri alla mia portata”

Articolo successivo

Tokyo2020: Volley. Mazzanti “Importante qualificazione con anticipo”

0  0,00