In Trentino con GINPILZ

3 minuti di lettura
TUTTO IL PROFUMO DEI BOSCHI TRENTINI NEL GINPILZ VINCITORE A BRUXELLES 

Vincitore della Medaglia d’Oro al Concours Mondial de Bruxelles – Spirit Selection 2020, il GinPilz è prodotto nella Val di Cembra, con botaniche e bacche di ginepro dei boschi trentini (‘Pilz’ in tedesco significa ‘fungo’) e acqua delle Dolomiti, che sgorga pura dalle rocce porfiriche e quindi particolarmente leggera, perfetta nella distillazione e nella diluizione finale. Con gradazione 40%, al naso si presenta fine e profumatissimo e ben si combina in equilibrio con le 15, diverse, erbe naturali, spezie, piante e radici. Tra queste fiore di luppolo, sperula, radice di genziana, resina, mirtilli, erbe aromatiche da orto come il basilico e la camomilla e da giardino come i petali di rosa e la lavanda. In più gli agrumi della costiera amalfitana. Prodotto con alambicco discontinuo a bagnomaria alimentato a vapore, è un gin secco e deciso, ottimo da bere liscio, come le grappe prodotte dalla Pilzer. L’etichetta di GinPilz è dedicata allo sport olimpico del curling, dove per vincere servono preparazione, allenamento, passione, pazienza, attenzione e un pizzico di fortuna…’Esattamente quanto serve per fare il GinPilz’, nelle parole del suo creatore, Bruno Pilzer, anche presidente dell’Istituto di Tutela Grappa del Trentino. Grazie a un grande bagaglio tecnico e teorico, acquisito da molti amici specialisti, anche durante i sei mesi di esposizione di un alambicco Pilzer nel museo del Jenever, ad Hasselt in Belgio, nasce presso Pilzer l’idea di produrre un gin, cercando nei boschi trentini a mezza montagna le bacche di ginepro da unire alle bucce e alle erbe, sia autoctone, sia altre che non crescono nelle vicinanze, ma indispensabili per donare una giusta complessità al prodotto. Il GinPilz, distribuito in Italia da Rinaldi 1957, non vorrebbe essere bevuto da solo, ma preparato con una ottima acqua tonica, rinfrescato da ghiaccio, corretto con una piccola buccia di lime. Provandolo da solo sprigiona un buon profumo di ginepro, seguito da una serie di sensazioni olfattive, dove è facile riconoscere il limone e l’arancio, con un importante apporto delle altre erbe presenti, rendendo il profumo complesso e molto persistente. Il gusto è altrettanto piacevole armonico persistente, secco. 

NOTE DI DEGUSTAZIONE: 

Profumo: fine e profumato con ginepro, limone e arancio
Palato: ginepro ed erbe aromatiche
Finale: persistente, secco e armonico
Volume: 40%
Formato: 70 cl
Prezzo medio al pubblico: 35 euro

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Venezia78: Premio Kinéo annuncia i primi ospiti: la madrina Madalina Ghenea, David Warren, Cinzia Angelini e molti altri

Articolo successivo

Amministrative, Bernardo “Milano diventi capitale della digitalizzazione”

0  0,00