Prosegue a Roma il progetto Jaguar “Destination Zero in the City”

5 minuti di lettura

Jaguar Land Rover Italia annuncia la seconda tappa del progetto Destination Zero in the City, volto all'esplorazione, alla ricerca e allo sviluppo di una mobilita' futura sempre piu' sostenibile da raggiungere anche attraverso l'impiego di tecnologie rispettose dell'ambiente e di energie rinnovabili. Dopo la guida di Milano, che ha visto in Land Rover un fedele alleato nella sensibilizzazione al cambiamento di pensiero a favore della mobilita' elettrica, della consapevolezza responsabile e dell'etica, e' il turno di Roma che, con Jaguar, ci condurra' in un viaggio alla ricerca di alcune inedite location sostenibili, per vivere la quotidianita' all'insegna del rispetto del pianeta. Roma e' la citta' in cui il presente convive con il passato, dove ogni epoca della storia ha il suo strato ben riconoscibile, che si accumula sopra quelli precedenti, a volte ibridandosi completamente, a volte mantenendo netti i propri tratti distintivi. Un bagaglio temporale cosi' vasto non puo' che essere un enorme serbatoio di sapere che contiene al suo interno i semi del futuro. A patto di saperli cogliere, piantare e coltivare. Grandi protagonisti di questa seconda guida eco-green, dedicata, stavolta, alla citta' di Roma, sono gli eleganti modelli PHEV (plug-in hybrid vehicle) E-Pace e F-Pace di Jaguar: design ineccepibile, agilita', performance e charme si uniscono alla mission per la riduzione dell'impatto ambientale grazie all'autonomia in modalita' completamente elettrica fino a 53 km per la F-Pace e 55 km per la E-Pace, con possibilita' di ricarica dallo 0 all'80 % in soli 30 minuti. Le guide Destination Zero in the City, realizzate in collaborazione con il partner editoriale Edizioni Zero, vogliono raccontare, attraverso testi e immagini inediti, le realta' cittadine che hanno un approccio sostenibile nei confronti del divertimento, della ristorazione e della socialita', promuovendo un vero e proprio cambiamento nel mindset dell'intera comunita'. Le ispirazioni per la community eco-green di Roma non si esauriscono con il patrimonio naturale, ma sono in ogni angolo della citta', anche dove meno ce lo aspettiamo. Sono in complessi architettonici riconvertiti come Portuense 201, l'hub dedicato all'artigianato ricavato da una vecchia latteria, o nel Pastificio Cerere, una ex industria alimentare riattivata dall'arte contemporanea. Sono nella creativita' e nella condivisione di spazi coworking come Ala/34, negli incubatori d'innovazione e networking come Talent Garden, sono nei bicchieri di vino naturale de La Santeria e nei fermentati di Latta. Le traiamo nello spirito recycling di RE(f)USE o nelle decorazioni floreali di Dylan Tripp, nei piatti bio de Le Serre by Vivi, nel design di locali come Nuna e TreeBar e ovviamente nel green decor di Fleur Garden. Jaguar e' il brand che da sempre supporta con passione l'arte e la cultura e con Roma condivide l'attitudine alla riscoperta, alla rigenerazione e alla valorizzazione delle eccellenze. Nell'ambito del progetto Destination Zero in the City, l'iconico marchio automotive non si limita alla sola divulgazione, ma esprime un impegno concreto investendo attivamente sul territorio attraverso l'installazione di colonnine di ricarica presso le location eco-friendly a bordo dell'iniziativa o nelle loro immediate vicinanze, con l'obiettivo di supportare il nuovo stile di vita della comunita' romana, agevolando la mobilita' a bordo di veicoli dalla vocazione sostenibile. La serie di guide urbane eco-green dal titolo Destination Zero in the City sono consultabili sia online che nella versione cartacea, distribuita in modalita' free-press sul tutto il territorio italiano, e declinano il concetto di mobilita' sostenibile all'interno delle principali citta' italiane; realta' urbane che potranno essere scoperte e consapevolmente vissute a bordo dei modelli PHEV (plug-in hybrid vehicle) Jaguar. Queste inedite guide rappresentano un ulteriore milestone nella vision del brand e sono parte di un piu' ampio progetto di comunicazione ed interventi nella citta', ispirato dal desiderio di sensibilizzare sempre di piu' sulle tematiche ambientali e sulla mobilita' sostenibile, attuale e futura, che puo' essere di semplice fruibilita'. (ITALPRESS). tvi/com 04-Ago-21 11:52

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La 500 debutta in Brasile, la “seconda casa” di Fiat

Articolo successivo

Ponte Stretto, Giovannini “Prima fase fattibilità entro primavera 2022”

0  0,00