Incendi, Cingolani “Oltre il 70% colpa delle azioni dell’uomo”

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Gli incendi che stanno devastando larghe aree verdi del Paese sono dovuti, senza alcun tipo di ambiguita', all'azione congiunta dell'effetto del cambiamento climatico e da azioni che dipendono dall'essere umano". Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, riferendo nell'aula della Camera, sullo sviluppo di gravi incendi in diverse aree del Paese. "Quello che e' molto preoccupante e' che il cambiamento climatico incide con una percentuale bassa su questi incendi: causa una diminuzione dell'umidita' media del terreno, a questo si sommano correnti, venti ad alta temperatura piuttosto secchi. Poi – ha aggiunto – c'e' l'effetto delle azioni dell'uomo, a partire dalla mancanza di cura del territorio. Si deve fare manutenzione. Poi ci sono numeri preoccupanti: il 57,4% di incendi e' doloso, poi abbiamo un 13,7% non intenzionale, colposo, quindi oltre il 70% e' responsabilita' delle nostre azioni, solo meno del 2% e' di originale naturale". Il ministro ha ricordato che "siamo piu' vulnerabili di quanto non fossimo in passato, poi c'e' un problema di manutenzione dei territori e di civilta'. L'elemento piu' direttamente umano e' un elemento difficilissimo da controllare, la prevenzione, il controllo, e' fondamentale, come fondamentale e' la manutenzione dei territori". (ITALPRESS). ror/ads/fsc/red 05-Ago-21 13:56

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Probiotici utili contro i processi neuro-infiammatori

Articolo successivo

Un anticorpo monoclonale dimezza l’emicrania nei pazienti cronici

0  0,00