La Sicilia ha il suo Piano regionale per l’amianto

2 minuti di lettura

PALERMO (ITALPRESS) – "Finalmente anche la Sicilia, dopo quasi trent'anni, ha il suo Piano regionale per l'amianto. Un importante strumento di pianificazione, che adesso è pienamente operativo. Costituisce un'efficace risposta ai Comuni siciliani, in affanno per l'enorme quantità di materiale pericoloso presente sui propri territori. Ora spetterà proprio agli enti locali realizzare o implementare i propri Piani comunali per arrivare prima possibile al censimento, alla mappatura completa e, quindi, alla successiva bonifica delle aree interessate". Lo afferma il presidente della Regione Nello Musumeci, commentando la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del "Piano di protezione dell'ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica, a fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto". Il Piano, fortemente voluto dal governo regionale, consentirà di intensificare la lotta contro lo smaltimento irregolare e bonificare moltissime aree della Sicilia. Ogni ente locale potrà avvalersi del lavoro svolto dalla Regione che mapperà, anche tramite foto satellitari, la presenza di potenziali manufatti in amianto anche per evitarne la rimozione in maniera arbitraria: un rischio per la salute e per le salatissime multe. Tra gli aspetti principali del documento regionale anche le informazioni epidemiologiche aggiornate, le ipotesi sul fabbisogno e le tipologie tecnologiche degli impianti, i criteri di localizzazione e la definizione degli scenari nel breve, medio e lungo periodo. "In questo modo – conclude Musumeci – mettiamo ordine nella complessa opera di rimozione totale dell'amianto presente in tutti i manufatti pubblici e privati dell'Isola. Prossimo passo: creare l'impiantistica per lo smaltimento". (ITALPRESS). fsc/com 06-Ago-21 15:12

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Un anno fa il nuovo Ponte San Giorgio, Genova un modello da replicare

Articolo successivo

Tartarughe marine, record di nidificazioni per la Caretta caretta

0  0,00