Audi skysphere concept, la scoperta del futuro

5 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Grazie ad Audi skysphere concept, la Casa dei quattro anelli interpreta la mobilita' del futuro nel segmento di lusso offrendo agli utenti un'inedita esperienza di bordo. Prima di una nuova famiglia di tre prototipi, la roadster a elettroni puo' contare sull'interasse variabile. Un'avanguardistica tecnologia che, in abbinamento alla guida autonoma di Livello 4, permette la convivenza di due anime: da GT e da sportiva pura. Alla sterzata integrale e alla gestione attiva predittiva dell'assetto si accompagnano la potenza massima di 632 CV e un nuovo approccio stilistico dall'interno verso l'esterno, volto a definire in primis le linee e le caratteristiche dello spazio attorno ai passeggeri e solo in un secondo momento le forme della carrozzeria. L'auto diventa un terzo spazio abitativo: un "experience device". Per garantire ai passeggeri liberta' sinora sconosciute, Audi skysphere concept prevede due configurazioni di guida: Granturismo e Sport. Una caratteristica resa possibile dal passo variabile. Gli ingombri ridotti della propulsione elettrica e la raffinata meccanizzazione della struttura, con i componenti della carrozzeria e della scocca scorrevoli, consentono di variare l'interasse e la lunghezza esterna dell'auto di ben 250 millimetri. Allo stesso tempo, l'altezza da terra e' regolabile di 10 millimetri. Il conducente, premendo un pulsante, sceglie l'esperienza di guida desiderata. Optando per il passo ridotto, guida la roadster elettrica dei quattro anelli in configurazione Sport, con una lunghezza del corpo vettura di 4,94 metri. La sterzata integrale garantisce un'eccellente agilita' nonostante le generose dimensioni dell'auto. Alternativamente, il setup Granturismo porta lo sviluppo longitudinale della roadster a 5,19 metri e prevede la guida autonoma, ampio spazio per le gambe e un ecosistema digitale perfettamente integrato. Il volante e i pedali sono a scomparsa; l'abitabilita' di Audi skysphere concept e' il nuovo riferimento tra le vetture sportive en plein air. La configurazione variabile del passo e degli interni costituisce un'avanguardistica interpretazione della mobilita' nel segmento di lusso, mentre l'ecosistema digitale di bordo garantisce ai passeggeri esperienze d'entertainment senza precedenti. E' ad esempio possibile condividere il viaggio tramite i social media, utilizzando immagini in tempo reale dell'abitacolo e dell'ambiente circostante, oppure svolgere attivita' quotidiane indipendenti dalla guida: Audi skysphere concept, infatti, oltre ad autogestirsi nel raggiungere la destinazione desiderata si occupa autonomamente anche del parcheggio e della ricarica. Disegnata in California ispirandosi alla leggendaria Horch 853 Audi skysphere concept debuttera' pubblicamente il 13 agosto 2021 in occasione della Monterey Car Week a Pebble Beach, in California. La roadster elettrica dei quattro anelli "giochera' in casa", in quanto concepita presso l'Audi Design Center di Malibu, a due passi dalla Pacific Coast Highway, la celebre strada costiera che collega Los Angeles alla California settentrionale. Il Responsabile dell'Audi Design Center Gael Buzyn e il suo team ne sono gli artefici. Fonte d'ispirazione e' una leggendaria vettura d'epoca, pietra miliare della storia Audi: la Horch 853. Anch'essa lunga 5,20 metri, la cabriolet di rappresentanza degli anni Trenta non solo ha ridefinito il concetto di lusso del periodo tra le due Guerre, ma piu' recentemente, nel 2009, ha anche vinto il Concorso d'Eleganza di Pebble Beach. Audi skysphere concept adotta un motore elettrico, collocato al retrotreno, in grado di erogare 632 CV e 750 Nm di coppia. Il peso della vettura, circa 1.800 chilogrammi, e' ripartito al 60% al posteriore e al 40% all'anteriore. Forte della trazione posteriore, la roadster a elettroni scatta da 0 a 100 km/h in 4 secondi. I moduli batteria di Audi skysphere concept sono posizionati principalmente alle spalle dell'abitacolo, sebbene alcuni di essi si trovino all'interno del tunnel tra i sedili, a vantaggio del bilanciamento delle masse. L'accumulatore ha una capacita' di oltre 80 kWh e garantisce un'autonomia di oltre 500 chilometri WLTP. (ITALPRESS). sat/com 17-Ago-21 15:07

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sedile progettato da DS per comandante portaerei “Charles De Gaulle”

Articolo successivo

Hippie Caviar Hotel, visione Renault per voglia di evasione a 5 stelle

0  0,00