In Sardegna una spedizione per aggiornare ricerche su cetacei e squali

3 minuti di lettura

CAGLIARI (ITALPRESS) – Ricercare e monitorare la megafauna – cetacei, tartarughe e squali – nella zona sud della Sardegna, con strumentazione e attrezzatura specifica (droni, idrofoni, macchine fotografiche e videocamere) per analizzare la distribuzione e il comportamento di queste specie e raccogliere dati acustici fondamentali per valutare la presenza dei cetacei e gli impatti dell'inquinamento acustico. Questo l'obiettivo della spedizione che tra la fine di settembre e ottobre vedrà protagonisti il WWF e altri enti di fama internazionale: a bordo di una goletta di 18 metri un team di biologi ed etologi, affiancati dai viaggiatori, aggiorneranno alcuni studi effettuati nell'area risalenti a oltre 40 anni fa. "Ricercare vuol dire conoscere, conoscere vuol dire saper tutelare, saper tutelare vuol dire garantire alla fauna un habitat naturale consono e protetto da interventi dell'uomo che possano minare l'equilibrio dell'ecosistema", commenta Laura Pintore, naturalista ed esperta di cetacei del WWF Italia. "Con questo spirito è nata una nuova spedizione che partirà tra la fine di settembre e i primi di ottobre. "Nel Mediterraneo infatti, vengono spesso progettate opere edili senza una reale verifica sui potenziali impatti dell'inquinamento acustico sulla megafauna marina, composta anche da specie in via di estinzione" spiega Pintore. Nell'area, che non viene studiata da circa 40 anni, il WWF vuole far luce su tutte le potenziali minacce, dalla pesca (bycatch) al traffico navale, dall'inquinamento acustico, alla plastica. La spedizione di ricerca contribuirà alla raccolta di informazioni utili alla comunità scientifica su un'area ancora poco studiata e che potrebbe rappresentare un hotspot di biodiversità e una zona importantissima di alimentazione, migrazione e riproduzione per balene, delfini, tartarughe e squali. La spedizione è promossa all'interno della Campagna GenerAzioneMare del WWF che mira a proteggere il Capitale Blu del Mediterraneo. "Partecipare a questa spedizione è un'esperienza unica e irripetibile: i 10 partecipanti potranno affiancare i professionisti impegnati nella salvaguardia della fauna marina e dell'ecosistema. E' adatta a tutti, velisti e non, basta avere dimestichezza con il mare ed essere pronti a vivere grandi emozioni", commenta Francesca Ellisse, responsabile della comunicazione in Sailsquare. Si parte da Carloforte (o da Fiumicino per chi arriva dalla terraferma) per poi navigare per 10 giorni nell'area di studio Il contributo per salire a bordo andrà interamente a sostegno della spedizione stessa: fare del bene all'ecosistema non è mai stato così emozionante e coinvolgente. Si può prenotare online il proprio posto a bordo sulla piattaforma Sailsquare, nella sezione "Crociere WWF". (ITALPRESS). fsc/com 25-Ago-21 16:10

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nuova Skoda Fabia, propulsori Evo aumentano l’autonomia

Articolo successivo

Tg Sport – 25/8/2021

0  0,00