Nirvana, l’ex bambino di ‘Nevermind’ ha fatto causa per pedopornografia

1 minuto di lettura

Il protagonista dello scatto, Spencer Elden nella denuncia presentata martedì sostiene che l’immagine oltrepassa i confini del lecito e sfocia nel ‘child porn’, la banconota in copertina del leggendario album ne farebbe un “lavoratore del sesso”.

L’immagine è stata generalmente interpretata come una critica al capitale, con la banconota infilzata a un amo che il neonato insegue nuotando, entusiasta quanto ingenuo. La giurisprudenza americana finora non ha mai considerato pornografia foto di bambini in mancanza di elementi sessuali espliciti.

L’immagine del 1991 scattata da  Kirk Weddle, con Elden di 4 mesi non pare che sia stata gradita dal protagonista che ha chiesto un risarcimento per pedopornografia e sfruttamento sessuale minorile pari a 150mila dollari.

Per il “lavoro” di Elden i genitori ricevettero 200 dollari. L’immagine dell’esca e la banconota da un dollaro venne poi aggiunta dai grafici a copertina ultimata. Anche il secondo fotografo, Chapple, avrebbe pagato Elden 200 dollari per fare la nuova foto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ambiente, Giorgetti “La sostenibilità sia anche sociale e economica”

Articolo successivo

Nuova 508 Peugeot Sport Engineered, prestazioni ed efficienza

0  0,00