Nuova Skoda Fabia, propulsori Evo aumentano l’autonomia

3 minuti di lettura

VERONA (ITALPRESS) – La quarta generazione di Fabia e' disponibile con motorizzazioni della generazione EVO del Gruppo Volkswagen, che rispettano la norma sulle emissioni Euro 6d. Il 1.0 MPI 80 CV ha consumi omologati nel ciclo WLTP pari a 5,1-5,4 l/100 km, mentre il ben piu' potente 1.0 TSI 110 CV nello stesso ciclo ottiene un consumo pari a 5,0-5,5 l/100km. Grazie a questa elevata efficienza, le due motorizzazioni hanno autonomie superiori ai 700 km, ma scegliendo il serbatoio da 50 litri (optional al momento non disponibile in Italia), invece di quello standard da 40 litri, si puo' ottenere un'autonomia massima superiore ai 900 chilometri, nel ciclo WLTP. Skoda AUTO ha lavorato in modo mirato per ridurre il consumo di carburante e le emissioni dei due motori MPI EVO, aumentandone allo stesso tempo la performance. Questi miglioramenti sono stati resi possibili da un gruppo albero motore ottimizzato, inclusi pistoni e fasce elastiche, che riduce le perdite per attrito. Il circuito dell'acqua intorno alla testata e al blocco motore e' stato ridisegnato per ottenere una maggiore efficienza di raffreddamento per i cilindri, le camere di combustione e il collettore di scarico integrato. I motori MPI montati su nuova Fabia funzionano secondo il ciclo di combustione Atkinson, in cui le valvole di aspirazione si chiudono solo durante la fase di compressione del pistone. Cio' spinge parte della miscela di carburante nel collettore di aspirazione, riducendo l'effettivo rapporto di compressione e il consumo del motore. I due motori 1.0 TSI a iniezione diretta usano una pressione di iniezione di 350 bar. Il sottile strato di rivestimento al plasma dei cilindri sostituisce il riporto in ghisa, riducendo gli attriti. Cio' abbatte ulteriormente il consumo di carburante e le emissioni, diminuendo il carico termico attraverso una distribuzione e una dissipazione del calore piu' uniformi nella camera di combustione. I motori TSI a tre cilindri funzionano nel ciclo Miller a basso consumo di carburante e il turbocompressore e' dotato di turbina a geometria variabile. Cio' si traduce in una coppia piu' elevata, disponibile in ampio regime del motore, riducendo allo stesso tempo le emissioni. Il rivestimento al plasma e la pressione di iniezione di 350 bar sono presenti anche nel 1.5 TSI 150 CV (motorizzazione non disponibile per il mercato italiano). Grazie alla gestione attiva dei cilindri (ACT), il motore a quattro cilindri disattiva automaticamente due cilindri in condizioni di carico leggero, un processo praticamente impercettibile per il guidatore, e aiuta anche a ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2. (ITALPRESS). ads/com 25-Ago-21 15:34

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Scoperto un nuovo meccanismo per “affamare” i tumori

Articolo successivo

In Sardegna una spedizione per aggiornare ricerche su cetacei e squali

0  0,00