Vezzali “Più sport a scuola. Stadi? Lavoriamo per riapertura completa”

4 minuti di lettura

"I successi dello sport italiano sono un primo effetto della riforma del 2018" ROMA (ITALPRESS) – "Tanti successi sono tutti il risultato dello sforzo appassionato di volontari e associazioni dilettantistiche, ma anche un primo effetto della riforma dello sport intrapresa nel 2018, che ha portato al movimento sportivo circa 160 milioni di euro in più in due anni. Le Federazioni hanno saputo mettere a frutto questa ulteriore iniezione di risorse pubbliche, con il supporto della preparazione olimpica del Coni". Sono le parole di Valentina Vezzali, sottosegretario allo Sport, intervistata da "Calcio e Finanza". "Se ognuno fa bene il suo, arrivano le soddisfazioni. E il Governo è impegnato a proseguire su questa strada, monitorando che le risorse pubbliche vengano ben impiegate e perimetrando competenze e ruoli, a iniziare da quelli di Sport e Salute che deve diventare al più presto il punto di riferimento per l'intero movimento sportivo, facendosi trovare pronta sul territorio – aggiunge – Ma le vittore nelle competizioni sono solo la punta dell'iceberg. Il Governo intende perseguire un altro importante obiettivo, migliorare sensibilmente il dato relativo alla pratica sportiva nel Paese, abbandonando il quint'ultimo posto nella classifica europea. Occorre cominciare dalla scuola – spiega l'ex fiorettista – Abbiamo definito un protocollo con il Ministero dell'Istruzione e stiamo lavorando per l'inserimento dell'insegnante di scienze motorie nella scuola primaria. E ancora, l'investimento di 1 miliardo di euro per lo sport previsto nel PNRR, da sfruttare al meglio. Il mio obiettivo, e quindi il mio attuale orizzonte, è quello di realizzare il programma che ho tracciato nelle linee programmatiche che ho presentato al Parlamento al momento del mio insediamento. Sono concentrata su quelle priorità del mondo dello sport, in primis l'inserimento dell'insegnante di scienze motorie nella scuola primaria e una riforma del lavoro sportivo che garantisca tutele ai lavoratori e, nel contempo, assicuri sostenibilità al sistema". Passando al calcio e ai problemi nella diffusione delle immagini della serie A da parte di Dazn, "il Governo, che è al momento necessariamente spettatore, non potrà ignorare le difficoltà ad oggi riscontrate qualora non vengano risolte nelle prossime giornate. Ma grazie alla trasmissione in streaming di gran parte delle partite si sta fortemente contribuendo allo sviluppo della digitalizzazione nel nostro Paese". Dalla Vezzali, in tema di stadi e accesso tifosi, l'invito ai club di "sensibilizzare gli operatori per far rispettare le regole, più riusciamo a rispettare le regole maggiormente possiamo uscire da questa maledetta pandemia. Il nostro obiettivo è quello di aumentare la capienza nelle prossime settimane fino ad arrivare gradualmente alla riapertura completa, in una sfida che bisogna però affrontare nel rispetto delle regole, come dicevo prima, e con la speranza che la pandemia presto allenti la morsa. L'aumento va di pari passi anche per gli impianti al chiuso, non dobbiamo lasciare dietro nessuno, tantomeno volley e basket che dagli introiti dei palazzetti hanno una grande fonte di entrate". E a questo proposito, ricorda che "bisogna investire, bene e celermente, sull'impiantistica sportiva nazionale, che rappresenta un asset importante non solo sul piano prettamente sportivo, ma anche di sviluppo sociale ed economico". E sulle altre richieste del mondo dello sport, dalla revisione della norma sul divieto delle sponsorizzazioni delle società di scommesse o il ritorno della mutualità dai diritti tv del calcio, il sottosegretario assicura che le questioni sono tutte allo studio del governo. (ITALPRESS). glb/red 29-Ago-21 11:12

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg Giovani – 29/8/2021

Articolo successivo

Paralimpiadi: Barlaam e Trimi d’oro nel nuoto

0  0,00