Gravina “Cambio di passo per Coverciano, aiuteremo giocatrici afghane”

3 minuti di lettura

"Metteremo a disposizione delle calciatrici afghane formatori, allenatori e tutor" FIRENZE (ITALPRESS) – "Grazie al sindaco Nardella per l'amicizia e l'affetto verso la Figc e verso il calcio italiano testimoniato in varie forme dalla città di Firenze. Firenze città azzurra, grazie per l'illuminazione dei monumenti giovedì sera, un colore che ha dato l'opportunità a tanti italiani di ritrovarsi nell'orgoglio e senso d'appartenenza per il nostro Paese in un periodo difficile, un periodo adesso di rinascita. Parlo spesso di rinascimento calcistico e lo ripeto anche oggi". Lo ha detto il presidente della Figc, Gabriele Gravina, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Palazzo Vecchio a Firenze. "Grazie al sindaco Nardella per dare con le iniziative congiunte un senso di sviluppo, crescita e voglia di rinnovarsi al calcio italiano -ha aggiunto Gravina -. Coverciano vuole avere un cambio di passo, dobbiamo far decollare quel centro dove faremo altri investimenti perche' nel calcio moderno serve grande attenzione per le strutture. Vogliamo investire e vogliamo che Coverciano diventi davvero un centro d'eccellenza come altri centri visti girando l'Europa. Abbiamo i mezzi per poterlo fare, abbiamo ottime idee, le stiamo trasformando in progetti". "Siamo orgogliosi di trasferire il nostro museo in un'area dello stadio 'Franchi', un'area che sarà moderna e nuova, che colleghera' insieme la storia della squadra della città con la storia del calcio italiano, ed entrare nel circuito dei musei e della storia di Firenze – ha proseguito Gravina -. Si tratta di un altro tassello che unirà il mondo del calcio alla città di Firenze. Giovedì sera cinquecento medici ed infermieri dei reparti covid delle strutture di Firenze saranno ospitati allo stadio 'Franchi' e la stessa cosa faremo anche in occasione della partita di Reggio Emilia. Se il calcio è ripartito è grazie anche e soprattutto ai professionisti impegnati nel settore medico-sanitario". Sul progetto di accoglienza delle ragazze della Nazionale afghana che saranno ospitate a Firenze, Gravina ha spiegato: "Vogliamo accoglierle ma anche aiutarle ad avere un senso di liberta' totale. Vogliamo far sì che la loro idea di fare calcio si trasformi sempre di più in qualcosa di realizzabile". "Le affiancheremo con formatori, allenatori e tutor che le aiuteranno nell'attività calcistica e conoscenza della cultura italiana, saranno ospiti delle nostre nazionali di calcio femminili ogni volta che si raduneranno a Coverciano e cercheremo di trovare una deroga in modo che possano essere tesserate e partecipare ad una competizione sportiva – aggiunge Gravina -. Questa è la nostra idea di nuovo rinascimento del calcio italiano. Abbiamo fretta di crescere, il tempo ci sfugge, abbiamo pero' tanta voglia e tanta capacità nel voler restituire agli italiani e al calcio italiano la dignita' che merita". (ITALPRESS). lc/ari/red 31-Ago-21 18:50

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Lamorgese: “Paesi Ue pronti ad accogliere afghani”

Articolo successivo

Palermo, a Palazzo dei Normanni scoperta pavimentazione antecedente al 1570

0  0,00