Calcio: Euro U.21, Cancellieri “Cresciuto a Verona, mi ispiro a Chiesa”

3 minuti di lettura

"La vittoria contro il Lussemburgo è il punto di partenza di questa Under", dice l'azzurrino ROMA (ITALPRESS) – "Sto facendo un percorso che mi sta permettendo di emergere. Arrivare a Verona secondo me mi ha permesso di esprimermi al massimo con la Primavera e ora in prima squadra, adesso è arrivata anche l'importante chiamata dell'Under 21. Mi sento maturato calcisticamente. Quando si arriva in prima squadra devi per forza maturare". Fra i volti piu' positivi che ha messo in mostra l'Under 21 azzurra vincitrice ieri a Empoli contro il Lussemburgo, c'è sicuramente quello dell'attaccante Matteo Cancellieri, autore del definitivo 3-0 per l'Italia. "Iniziare il ritiro in prima squadra e giocare in campo fa aumentare la fiducia e l'autostima perché ti senti apprezzato – ha aggiunto Cancellieri -. Sono per questo riconoscente a mister Di Francesco per quello che stiamo facendo e per quel che stiamo costruendo, il resto si vedrà. Ho fatto le mie esperienze, a Roma ho avuto momenti di alti e bassi, giocavo con meno frequenza per vari motivi e quando hai possibilità di essere messo in campo e dimostrare a tutti gli effetti quello che puoi fare ti aiuta moltissimo. E' presto per fare paragoni pero' se mi devo ispirare a qualcuno lo faccio con giocatori come Chiesa che è già affermato e ha grande qualità". Cancellieri come detto è stato protagonista nel successo dell'Under 21 azzurra che ieri ha esordito nel girone di qualificazione a 'Euro 2023'. "Il gol di ieri contro il Lussemburgo? Era una palla lunga, per tenerla ho dovuto per forza fare una scivolata, poi il resto è venuto senza pensarci – ha spiegato -. Ho dribblato il primo uomo e mi è venuto istintivo essendo vicino alla porta calciare forte sul primo palo. E' un'azione che faccio spesso quando sono piu' largo e ho modo di entrare o col destro o col sinistro. Ieri era importante partire subito bene, questo è solo un inizio. Siamo una squadra che si sta conoscendo, stiamo insieme da meno di una settimana, quello contro il Lussemburgo è stato sicuramente un punto di partenza, dobbiamo continuare su questa strada e fare bene anche nelle prossime partite. Contro il Montenegro dovrà esserci la consacrazione come squadra, dovremo trovare sicurezze che cercheremo allenamento dopo allenamento a partire da domani. Quello che verrà in campo sarà una conseguenza del lavoro che faremo giorno per giorno". (ITALPRESS). lc/ari/red 04-Set-21 15:24

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Storica tripletta azzurra nei 100 alle Paralimpiadi, arcieri d’argento

Articolo successivo

Calcio: Chelsea. Lukaku “Grato all’Inter, ma volevo i Blues”

0  0,00