Pancalli “Paralimpiadi da sogno, solo Italia avanti tra i top”

4 minuti di lettura

Il presidente del Cip: "Segnale positivo, nostri atleti hanno rapito i tifosi". TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – Si chiude la Paralimpiade di Tokyo 2020, con un bilancio trionfale per la spedizione azuzrra: 69 medaglie, di cui 14 ori, 29 argenti e 26 bronzi. Sommate alle 40 conquistate il mese scorso dalla delegazione olimpica, ecco un altro record: 109 podi tra le due rassegne, per un'Italia comunque da 110 e lode. Un'unica marea che ha travolto Tokyo e ha fatto impazzire gli appassionati italiani. Ieri sera, ad esempio sono arrivati i complimenti della 4×100 campionessa olimpica alla "3×100", come è stato ribattezzato il trio delle meraviglie composto da Ambra Sabatini, Martina Caironi e Monica Contrafatto. "Ho percepito, soprattutto nella narrazione dei media, che sia stata 'galeotta' l'onda positiva dei Giochi Olimpici per trascinare emozionalmente anche quelli Paralimpici – ha dichiarato il presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, durante la conferenza di fine Paralimpiade, organizzata al Main Press Centre, il centro stampa per i giornalisti accreditati ai Giochi di Tokyo – Dopodiché, le persone sono state rapite dalle nostre gare e dai nostri atleti. Una cosa è certa, oggi lo sport italiano si presenta come un'unica entità, due facce della medesima medaglia, nella consapevolezza che parliamo di due eventi diversi, con contenuti differenti e diverse declinazioni di valore che hanno in comune la centralità di questo straordinario strumento che è lo sport". "I valori del medagliere rispecchiano quasi totalmente quello olimpico – ha proseguito Pancalli – per cui noi ci confermiamo al nono posto, quindi nella top ten delle nazioni, considerato che a Rio erano assenti i russi mentre qui erano presenti, seppur senza inno né bandiera. Di tutti i Paesi che erano nei top ten a Rio, molti perdono medaglie, qualcuno mantiene, ma chi è andato veramente avanti è solamente l'Italia e questo è un segnale positivo. Questo significa che la scuola sportiva e l'approccio di un Paese regala le medesime situazioni sia all'uno sia all'altro movimento". Pancalli torna poi sulla leggendaria tripletta di ieri nei 100 metri T63 di atletica, che hanno visto salire sul podio Ambra Sabatini, Martina Caironi e Monica Contrafatto: "Il risultato di ieri è stato la più bella istantanea con cui chiudere una Paralimpiade straordinariamente bella per i risultati e per aver regalato dalla testimonianza di ogni singolo atleta l'immagine dell'Italia più bella, del Paese che sta tentando faticosamente di uscire dalla pandemia. L'immagine di atleti che hanno fatto della loro resilienza la connotazione non solo come atleti, ma di uomini e donne di questo Paese, forse anche per questo abbiamo ricevuto così tanto affetto e calore. Vedere le principali testate aprire con l'immagine delle nostre atlete mi ha fatto dare un pizzicotto per vedere se fosse vero o se stessi sognando, ma l'attimo dopo è prevalsa la razionalità – ha concluso il numero uno del Cip – e con orgoglio dico che noi abbiamo lavorato per questo". (ITALPRESS). dol/mc/red 05-Set-21 11:17

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg Ambiente – 5/9/2021

Articolo successivo

Mondiali2022: Argentina. 4 giocatori accusati di violazione protocollo

0  0,00