Il rumore antropico nel mare deleterio per i cetacei

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Che i pesci siano davvero muti non è dato sapere. Di sicuro i cetacei non lo sono e di sicuro noi umani in mare facciamo troppo rumore. Tanto che l'inquinamento acustico è diventata un'emergenza da regolamentare al più presto, perché a farne le spese sono i cetacei, animali "acustici" per eccellenza, che già versano in critiche condizioni di conservazione secondo la IUCN, che include tutte e 8 le specie presenti in Mediterraneo tra le categorie "data deficient" (per le quali le informazioni sono insufficienti), vulnerabile (capodoglio, balenottera comune) e in pericolo, come il delfino comune, che a dispetto del nome è classificato "endangered". È quanto emerge dal nuovo report del WWF "Rumore antropico nel mare, sopportabile per l'uomo, deleterio per i cetacei", con il quale l'Associazione chiede alle istituzioni misure urgenti per normare e ridurre le emissioni sonore di origine antropica nel "Mare nostrum", vero e proprio "hotspot" di biodiversità per i cetacei. "I cetacei sono mammiferi marini che dipendono fortemente dalla comunicazione sonora e l'inquinamento acustico derivante da traffico nautico, indagini sismiche, sonar, sfruttamento di giacimenti di olio e gas, impianti eolici offshore provoca purtroppo conseguente gravi su balene, delfini e altri mammiferi marini", si legge nel report. L'esposizione al rumore può produrre un'ampia gamma di effetti negativi sui mammiferi marini, dal forzato abbandono dell'area alla perdita di sensibilità uditiva come conseguenza di traumi acustici, che dipendono poi dalla durata e dall'intensità dell'esposizione. (ITALPRESS). fsc/com 09-Set-21 12:43

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Oggetti di seconda mano, in Italia arriva l’app Wallapop

Articolo successivo

Intesa Sanpaolo, 1,5 mld per le Pmi del “Sistema Casa”

0  0,00