Calcio: Pedro “Alla Roma fuori rosa senza parlare con nessuno”

3 minuti di lettura

"Ma ora sono contento di essere alla Lazio e di lavorare per questa maglia" ROMA (ITALPRESS) – Come fu per Ferraris IV e Franco Cordova, come Malgioglio e De Nadai, Pedro ha iniziato la sua prima stagione da calciatore della Lazio dopo aver indossato la scorsa stagione la maglia della Roma. Una scelta frutto della decisione della società giallorossa: "Alla Roma vivevo una situazione difficile perché ero fuori rosa e non ho parlato con nessuno – ha detto ai microfoni di Lazio Style Radio – Mi avevano detto che dovevo andare via, quando ho sentito Sarri sono stato felice di venire qui. Sono contento di essere alla Lazio, di lavorare con questa maglia e di avere una grande risposta da parte dei tifosi. Non voglio parlare troppo del passato, adesso sono molto felice di essere qui". Spazio al presente, anche se Maurizio Sarri faceva già parte della sua carriera in virtù di una buona esperienza al Chelsea: "Capire il suo gioco all'inizio non è semplice, ma se la squadra lo segue si possono fare ottime cose come i nove gol nelle prime due partite – ha aggiunto lo spagnolo – Domenica sarà una partita difficile, il Milan è molto aggressivo e ha grandi giocatori. Per noi sarà una buona opportunità per mettere in mostra delle buone cose. Ho sempre voglia di vincere e provare cose mai fatte. Lavoro per vincere e conquistare trofei, è questo l'obiettivo finale per cui lavoriamo tutti i giorni". Campione del Mondo con la Spagna, 65 presenze e 17 gol con le Furie Rosse, Pedro è una leggenda della nazionale e si sofferma sulla poca considerazione di Luis Alberto in patria, in virtù di una sola apparizione con la maglia della Spagna: "Non so perché non trovi regolarità in nazionale. È un giocatore molto forte, dipendesse da me sarebbe convocato". E sui giovani Luka Romero e Raul Moro: "Hanno davanti un gran futuro. Lavorano molto bene, giocheranno moltissimi minuti aiutando molto la squadra. Devono continuare così, sono il futuro di questa squadra". E il finale è inevitabilmente dedicato a Leo Messi e al suo passaggio al Psg: "Nessuno se lo aspettava, lui ama i blaugrana – ha detto l'ex compagno al Barcellona – È difficile sapere cosa sia successo tra lui e Laporta. Ora lui è al Psg, mi aspetto che continui a fare ciò che gli piace, giocare a calcio". (ITALPRESS). spf/glb/red 10-Set-21 17:36

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Produzione industriale in aumento a luglio

Articolo successivo

Comunali, Letta: “Centrodestra unito è una favola”

0  0,00