La fontana In-VISIBLE di Gruppo Cap finalista al Ro Plastic Prize 2021

4 minuti di lettura

MILANO (ITALPRESS) – Sembra realizzata in pietra, ma in realtà si tratta di plastica riciclata dai pack delle confezioni di yogurt e latte in polvere non più vendibili o scadute. È questo il concept innovativo della Fontana In-VISIBLE di Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato dei Comuni della Città metropolitana di Milano, esposta nei giorni della Milano Design Week all'interno della rassegna RoGUILTLESSPLASTIC 2021, ideata da Rossana Orlandi e candidata dalla giuria di esperti internazionali tra i finalisti del RO Plastic Prize 2021, arrivato alla sua terza edizione. Inserita nella categoria Responsible Innovation Project, per la sua forte componente di innovazione e tecnologia applicata ai rifiuti, è realizzata in collaborazione con Design DIFFERENTE, coworking/fablab verticale sui temi dell'economia circolare. La fontana In-VISIBLE è stata progettata nel 2016 per il concorso "Acqua pubblica e digital fabrication" da due giovani designer formate dal Politecnico di Torino, Carlotta Antonietti e Marzia Tolomei, per assolvere a uno dei servizi pubblici più importanti: erogare acqua a tutta la cittadinanza in modo ancora più sostenibile. "Il pubblico della Design Week ha confermato ancora una volta il grande interesse e l'apprezzamento per il nostro approccio alla gestione di un servizio essenziale come la fornitura e la tutela dell'acqua", commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. "Alla rassegna RoGUILTLESSPLASTIC 2021 abbiamo voluto raccontare i progetti di economia circolare che ci hanno permesso di realizzare arredi attraverso l'impiego di pack di alimenti scaduti, progetti che stiamo realizzando nel nostro impianto di Sesto San Giovanni. I nostri depuratori – aggiunge – sono presidi ambientali preziosi non solo per trattare i reflui e restituire l'acqua pulita all'ambiente, ma sono diventati a tutti gli effetti bioraffinerie, capaci di trasformare lo scarto organico in nuove risorse". Grazie al lavoro di Design DIFFERENTE, che ha l'obbiettivo di connettere la cultura del fare dell'area con i nuovi sviluppi in tema di sostenibilità promuovendo un nuovo design, la plastica dei pack dei prodotti scaduti diventa materia prima per realizzare arredi sostenibili e contemporanei: tramite un avanzato processo di produzione gli scarti vengono prima triturati e poi fusi tramite una pressa riscaldata. Una tecnica che può a tutti gli effetti considerarsi dimostrazione concreta del payoff della manifestazione "Waste is value". "Non mi stupisce che la fontana sia stata selezionata per il premio. L'acqua è un bene pubblico come le aree e le piazze che ospitano da sempre le fontane – aggiunge Davide Crippa, responsabile del progetto per Design DIFFERENTE -. In-VISIBLE assolve a un doppio compito: realizzata con la plastica riciclata ha una capacità idrorepellente e un rapporto con l'acqua migliore dei materiali ferrosi e può avere un ciclo di produzione infinito, chiudendo l'anello della circolarità e tornando ad essere un oggetto dal valore funzionale e sociale altissimo. Il risultato, peraltro, è di grande fascinazione: sembra pietra, ma non è materiale nobile è questo è il suo valore aggiunto". (ITALPRESS). fsc/com 10-Set-21 13:52

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, Stefani: “6 miliardi dal Pnrr per il sostegno ai disabili”

Articolo successivo

Moto Guzzi, progetto di ristrutturazione del sito industriale

0  0,00