Anelli (Fnomceo) “Medici migliori testimonial per il vaccino”

4 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "La sicurezza delle cure, non ci stancheremo mai di ricordarlo, passa anche attraverso la sicurezza di chi cura. E' per questo che continua incessante il nostro impegno perche' la sicurezza degli operatori sanitari sia veramente una priorita' dell'agenda politica". Lo dice il presidente della FNOMCeO, la Federazione degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, alla vigilia della terza "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita". Promossa per esortare le amministrazioni pubbliche a sostenere l'attenzione e l'informazione sul tema, la Giornata si celebra il 17 settembre di ogni anno, in concomitanza con il World Patient Safety Day. "Per la seconda volta, la Giornata cade durante l'epidemia di Covid – constata Anelli -. Ma mentre lo scorso anno eravamo a piangere le vittime che il virus aveva fatto e stava ancora mietendo tra i colleghi, con punte di 70 nei mesi piu' terribili, e a ricordarli illuminando la sede in arancione, quest'anno abbiamo un'arma formidabile per la sicurezza: il vaccino. Vaccino che ha praticamente azzerato la mortalita' tra gli operatori che ne hanno usufruito, tanto che possiamo dire che i medici sono i migliori testimonial della sua efficacia". "Per questo ci rattrista ancor di piu' il fatto che una percentuale seppur trascurabile di colleghi, circa lo 0,3%, non si siano ancora vaccinati – prosegue – Siamo fiduciosi che presto anche loro vorranno regolarizzare la loro posizione, nel loro stesso interesse e a tutela dei pazienti". Sono attualmente 728 i medici sospesi dagli Albi di 55 Ordini per non essersi vaccinati. In tutto le sospensioni sono state 936, ma 208 sono state poi revocate perche' i medici hanno comunicato l'avvenuta vaccinazione. "Vaccinarsi, oltre che requisito di legge per esercitare la professione, e', per un medico anche dovere deontologico – ricorda Anelli -. Un medico che non ha fiducia nelle vaccinazioni e' un ossimoro, e' come un ingegnere che non ha fiducia nella matematica o nella fisica". "Allo stesso modo, e' dovere deontologico seguire le evidenze scientifiche e non propagandare false cure, che mettono a rischio la salute dei pazienti e dei cittadini, ne' prescrivere terapie segrete – ammonisce Anelli -. E promuovere e attuare un'informazione sanitaria accessibile, trasparente, rigorosa e prudente, fondata sulle conoscenze scientifiche acquisite, e non divulgare notizie che alimentino aspettative o timori infondati o, in ogni caso, idonee a determinare un pregiudizio dell'interesse generale". "Quest'anno, inoltre, la Giornata per la Sicurezza delle Cure si celebra senza soluzione di continuita' con quella contro la violenza sugli operatori sanitari, che la Fnomceo ricorda ogni anno in questi giorni: proprio stasera, alle 19, a Bari, ci sara' il Concerto in memoria di Paola Labriola, la psichiatra uccisa il 4 settembre 2013 da un suo paziente – conclude Anelli -. Questo per affermare, ancora una volta, l'importanza di migliorare il grado di sicurezza sul lavoro dei medici come presupposto per la sicurezza delle cure. La legge approvata l'anno scorso e' stata, in questo senso, un passo in avanti fondamentale. Abbiamo poi sollecitato, con successo, la costituzione dell'Osservatorio che la stessa legge prevede, per monitorare l'applicabilita' della norma. Contestualmente, si sta costituendo presso il Ministero della Salute il gruppo di lavoro per la revisione della Raccomandazione ministeriale n. 8 del 2007, per prevenire gli atti di violenza a danno degli operatori sanitari, in larga parte sinora disattesa". Il concerto potra' essere seguito anche in streaming, a questo link: https://bit.ly/2Rml4p3. (ITALPRESS). mgg/com 16-Set-21 18:18

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, 5.117 nuovi casi e 67 decessi

Articolo successivo

Calcio: Verona.Tudor”Ora servono punti,poi spero di imitare amico Juric”

0  0,00