Calcio: Tris alla Moldavia, Bertolini “Buon inizio, ora la Croazia”

5 minuti di lettura

Al Nereo Rocco di Trieste doppietta di Girelli e rete di Giacinti TRIESTE (ITALPRESS) – Il primo passo nelle qualificazioni ai Mondiali del 2023 è triplo. Le azzurre di Milena Bertolini fanno tre gol e portano a casa altrettanti punti dopo la gara del debutto nel gruppo G e la vittoria sulla Moldavia per 3-0 al Nereo Rocco di Trieste. Un remake del match che quattro anni fa vide il debutto in panchina della Ct Milena Bertolini, primo passo di una lunga marcia che avrebbe portato le azzurre a diventare le "Ragazze Mondiali", capaci di arrivare fino ai quarti di finale di Francia 2019 e soprattutto di tenere incollati davanti alla tv milioni di italiani. Al 'Nereo Rocco' di Trieste, nello stadio intitolato all'ideatore del catenaccio, è la Moldova a chiudersi nella propria metà campo nel tentativo di limitare i danni, ma l'Italia è brava a far valere un'indiscutibile supremazia tecnica e a sfondare il muro avversario già nel primo tempo grazie alla doppietta di Girelli e alla rete di Giacinti. Martedì Gama e compagne scenderanno in campo a Karlovac (ore 17.30) per sfidare la Croazia. "Siamo felici perché abbiamo iniziato questo nuovo percorso con una vittoria – ha dichiarato subito dopo il fischio finale Milena Bertolini – mi è piaciuto l'atteggiamento delle ragazze, ma c'è un po' di rammarico per aver sbagliato tanto sotto porta. Ora ci aspetta la Croazia, che è una squadra molto fisica e con buone individualità. Contro di loro dovremo essere più precise e cattive sotto porta". Per il primo match della stagione la Ct si affida al collaudato 4-3-3 in cui trovano spazio le calciatrici di Juventus (5), Milan (3) e Roma (3). In porta Giuliani, retroguardia con Bergamaschi e Bartoli che agiscono ai lati di Gama e Linari, a centrocampo il trio fantasia e concretezza formato da Giugliano, Cernoia e Rosucci, in attacco Bonansea, Giacinti e Girelli. Il tecnico moldavo risponde con un 4-4-2 molto prudente, schierando dal primo minuto le quattro calciatrici che giocano in Italia (Cerescu della Pink Bari, Mitul, Mardari e Colesnicenco dell'Apulia Trani). In avvio di gara la squadra di Milena Bertolini sfrutta le sovrapposizioni di Bergamaschi per cercare di trovare un varco nella retroguardia avversaria. Se i cross dell'esterno milanista si infrangono sul muro avversario, quello di Cernoia arriva invece a destinazione: al 15' la centrocampista della Juve si libera sull'out di sinistra servendo un perfetto assist a Girelli, che al secondo tentativo – dopo la ribattuta del portiere – riesce a trovare la rete numero 45 in nazionale. Dieci minuti dopo Giacinti guadagna un calcio di rigore che è la stessa Girelli a trasformare spiazzando Munteanu. Al 35' Giacinti cala il tris azzurro sfruttando nel migliore dei modi il secondo perfetto rifornimento di Cernoia. Il primo tempo si chiude con il tentativo dalla distanza di Bonansea che sfiora la parte superiore della traversa. Nella ripresa lo spartito non cambia. L'Italia continua ad attaccare senza sosta e nei primi dieci minuti è Bergamaschi a sfiorare per due volte il gol del 4-0, prima con una conclusione ravvicinata che termina sul fondo, poi con un potente destro da fuori area che si stampa sulla traversa a portiere battuto. Con il passare dei minuti l'Italia avanza ancora di più il suo baricentro, continuando a mettere pressione alle moldave che con un pizzico di fortuna riescono però a respingere gli assalti delle neoentrate Serturini e Glionna. Il risultato, nonostante il forcing finale, non cambia. L'Italia inizia il suo nuovo percorso mondiale nel migliore dei modi, tra gli applausi degli oltre 1.300 tifosi presenti allo stadio Nereo Rocco. A Trieste è festa azzurra, ma ora testa alla Croazia. (ITALPRESS). ari/com 17-Set-21 20:05

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Turismo Magazine – 18/9/2021

Articolo successivo

Franco “Successo Pnrr dipende da coordinamento tra istituzioni”

0  0,00