L’ASviS presenta il 5° Festival dello sviluppo sostenibile

8 minuti di lettura

Con oltre 500 eventi in programma, oggi 28 settembre inizierà il Festival dello sviluppo sostenibile, la più grande manifestazione italiana sulla sostenibilità, organizzata dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

Il Festival 2021 è stato presentato  durante una conferenza stampa presso la Rai (Media Partner del Festival insieme all’ANSA) alla quale hanno partecipato i Presidenti dell’ASviS Marcella Mallen e Pierluigi Stefanini, il Vicedirettore di Rai Radio Michele Gulinucci, il Direttore Rai per il Sociale Giovanni Parapini e i rappresentanti di partner istituzionali e aziendali

“Sarà la più grande mobilitazione popolare sulle tematiche ambientali e dello Sviluppo sostenibile quella che si dispiegherà in tutta Italia dal 28 settembre al 14 ottobre”, sottolinea la Presidente Marcella Mallen. “Sarà un susseguirsi di convegni, dibattiti, manifestazioni di ogni tipo, a Roma ma anche in tantissime città più o meno grandi dal Nord al Sud del Paese per ben 17 giorni, tanti giorni quanti sono gli obiettivi fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Abbiamo lanciato un appello e la risposta è andata oltre le più rosee aspettative. Le tematiche legate allo sviluppo sostenibile sono ormai patrimonio largamente diffuso. Si è capito, e sempre più si sta capendo che abbiamo solo questo mondo e dobbiamo tenercelo caro. La società civile vuole essere protagonista del proprio futuro”.

Durante la conferenza stampa è stato presentato il ricchissimo cartellone della manifestazione, riconosciuta dalla campagna di azione dell’Onu (UN SDG Action Campaign) come un unicum a livello internazionale, che affronta tutti i grandi temi al centro del dibattito culturale e politico, con un coinvolgimento diretto delle giovani generazioni.

“Il quadro mondiale non induce certo all’ottimismo: le catastrofi naturali, le guerre, la fame, la siccità, le alluvioni, travolgono il mondo”, ha poi continuato il Presidente Pierluigi Stefanini, che infine ha aggiunto: “Ma non tutto è perduto. Ci sono e si stanno moltiplicando anche segni di speranza. Proprio per questo dobbiamo tutti reagire con forza coltivando e alimentando la speranza, per esempio cominciando già a livello di comportamenti individuali col fare ognuno tutto il possibile per contenere gli effetti negativi della crisi climatica, cominciando a ridurre drasticamente i consumi inquinanti, ma occorre anche una risposta pubblica e per questo dobbiamo chiamare la politica ad assumersi le proprie responsabilità davanti alle generazioni future superando egoismi e mettendo in campo le risorse della scienza e della tecnologia. Durante il nostro Festival” conclude“avanzeremo proposte elaborate grazie al lavoro di 800 esperti che hanno collaborato alla elaborazione del nostro Rapporto e ascolteremo le parole di responsabili ed esperti cercando di offrire, tutti insieme, risposte che facciano dello sviluppo sostenibile una realtà e non un libro dei sogni”.

Quest’anno, la “casa” del Festival sarà Palazzo delle Esposizioni di Roma, da dove verranno trasmessi la maggior parte degli eventi del Segretariato e alcuni altri nazionali. Il Palazzo delle Esposizioni è uno dei maggiori spazi espositivi interdisciplinari nel centro di Roma, impegnato da tempo in azioni di lungo periodo per esplorare i modi in cui l’arte può contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda delle Nazioni Unite.

Le dirette streaming verranno ospitate sui canali digital e social del Festival e dell’ASviS (festivalsvilupposostenibile.it, asvis.it, canale Youtube e pagina Facebook dell’ASviS), mentre gli eventi del Segretariato saranno trasmessi anche sui siti dell’ANSA (ansa.it) e di Radio Radicale (radioradicale.it).

Numerosi sono i “gemellaggi” con altri Festival e iniziative organizzate in tutta Italia, dedicate a tematiche strettamente connesse all’Agenda 2030. Al momento attuale, i “Compagni di viaggio” del Festival sono una decina, ma altri si stanno ancora aggiungendo.

Riconoscendo l’alto valore del Festival, anche quest’anno il Dipartimento Informazione Editoria della Presidenza del Consiglio è al fianco dell’ASviS per la diffusione attraverso le reti Rai della campagna istituzionale, alla quale si affianca la settimana di sensibilizzazione a cura della Responsabilità Sociale della Rai.

Alla quinta edizione del Festival contribuiscono Coop, Costa Crociere, Enel, Ferrero, Lavazza, UniCredit, Gruppo Unipol, TIM, partner che credono nell’iniziativa e condividono un percorso di impegni concreti a favore della sostenibilità.

Animati dallo stesso spirito, i partner istituzionali del Festival sono la Commissione Europea, il Ministero della Transizione Ecologica (Mite), il Ministero della Cultura (MiC), il Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci), il Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili (Mims), Cassa depositi e prestiti (CDP), Invitalia con le sue partecipate Mediocredito Centrale e Infratel. Sostengono la campagna di comunicazione il Gruppo Ferrovie dello Stato, Sky Italia e Assaeroporti.

Le emissioni prodotte durante gli eventi nazionali sono compensate dalla piantumazione di 55 alberi a cura della società Treedom, per conto ASviS.

Le borracce usate durante gli eventi sono offerte dalla società Technocap.

GLI EVENTI DEL SEGRETARIATO ASviS

Palazzo Esposizioni – 28 settembre: “L’Italia e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile”. Per la prima volta il Festival sarà inaugurato dalla presentazione del Rapporto annuale dell’ASviS. I contenuti del Rapporto costituiranno la base per la riflessione approfondita sulle dimensioni dello sviluppo sostenibile che sarà portata avanti nel corso dei 17 giorni della manifestazione, durante gli eventi nazionali tematici a cura dei Gruppi di Lavoro dell’Alleanza, dedicati ciascuno a uno o più Obiettivi di sviluppo sostenibile. (Programma)

Palazzo Esposizioni – 7 ottobre: “L’impegno dell’Italia a livello internazionale per una ripresa sostenibile e resiliente”. Il secondo evento organizzato dal Segretariato dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile propone una riflessione incentrata sui tre grandi eventi internazionali che si svolgono in prossimità e in collaborazione con il Festival, la Cop26, Expo Dubai e il G20 a presidenza italiana. (Programma)

Palazzo Esposizioni – 14 ottobre: “Italia 2030: un Paese in via di sviluppo sostenibile”. L’evento conclusivo del Festival sarà l’occasione per presentare alle istituzioni e al pubblico i frutti della riflessione maturata durante i 17 giorni della manifestazione, e illustrare le proposte istituzionali e legislative dell’ASviS per portare l’Italia su un percorso di sviluppo sostenibile. (Programma)

Il Festival prevede anche 18 eventi nazionali, dedicati ai temi chiave dello sviluppo sostenibile e ai diversi Obiettivi dell’Agenda 2030. Questi eventi sono organizzati dagli aderenti dell’ASviS, con il contributo dei gruppi di lavoro dell’ASviS, e con la partecipazione dei partner e dei tutor che hanno reso possibile la buona riuscita del Festival.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Venezia-Torino 1-1, Aramu risponde a Brekalo

Articolo successivo

A Dario Argento il Premio Cinema e Industria ad honorem 2021

0  0,00