Calcio: Andreazzoli “Roma forte, bel test per vedere a che punto siamo”

3 minuti di lettura

"Niente da perdere? Non esiste, ci sono tre punti in palio" EMPOLI (ITALPRESS) – "Mi aspetto una Roma forte, molto forte, lo ha dimostrato in questo inizio di campionato, ha individualità spiccatissime, una fisionomia evidente. Ci vogliamo confrontare, vedere a che punto siamo, ed è la partita ideale per questo". Aurelio Andreazzoli non vede l'ora che arrivi la gara contro i giallorossi, in programma domani pomeriggio all'Olimpico. Un bel test per un Empoli che si presenta forte dei due successi ottenuti con Cagliari e Bologna. Il tecnico dei toscani non si aspetta una Roma ancora abbattuta per la sconfitta con la Lazio ("il derby, anche se incide sempre, ormai è passato, anche Mourinho pensa alla prossima gara che è contro di noi e il pubblico sarà numeroso") e si aspetta di ricevere altre risposte importanti dai suoi. "Siamo lontani dal completare il nostro percorso, i tempi sono stretti, tutte le squadre hanno bisogno di tempo per mettersi a posto. Ma stiamo raccogliendo il frutto delle esperienze fatte, sia positive che negative. Stiamo facendo piccoli passi avanti, ne abbiamo fatti anche indietro ma a volte sono anche più formativi. Siamo in una condizione di verifica, vediamo se riusciamo a fare qualche altro passo avanti, ma siamo fiduciosi. Vogliamo confrontarci con quelli più bravi di noi e la Roma lo è". Quella contro la Roma non può essere una partita come le altre per Andreazzoli, a lungo nello staff giallorosso e allenatore della prima squadra per alcuni mesi nel 2013 ("torno molto volentieri, è un posto dove sono stato benissimo per un numero esagerato di anni, dove sono stato in famiglia. Ho a Roma molti amici e qualche fratello") ma non ditegli che l'Empoli non ha niente da perdere "perchè ci sono tre punti in palio, per me è un modo di dire che non esiste". Nelle ultime gare l'attacco degli azzurri si è sbloccato ("abbiamo cominciato a essere più produttivi ma dovremo stare particolarmente attenti contro la Roma: hanno 11 calciatori già andati a segno quest'anno"), seppur senza il contributo di Mancuso, lasciato in panchina nelle ultime due uscite. "A Mancuso penso tutti i giorni come a tutti quelli che non riesco a far giocare, e me ne porto il peso. Lavorano in maniera esemplare, sono partecipativi in tutto. Sono dispiaciuto che non abbia avuto la possibilità di giocare nelle ultime due gare ma la strada è lunga, ci siamo presi già delle soddisfazioni e vogliamo togliercene delle altre". (ITALPRESS). glb/red 02-Ott-21 16:30

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

A Marmomac va in scena The Italian Stone Theatre

Articolo successivo

Calcio: Fiorentina. Italiano “Limitare forza che sprigiona il Napoli”

0  0,00