Nicolato “La mia under 21 può crescere, nessun dubbio su Tonali”

4 minuti di lettura

Il ct degli azzurrini: "Gruppo interessante, soprattutto in alcuni ruoli" FIRENZE (ITALPRESS) – "Il gruppo secondo me è abbastanza interessante, soprattutto in alcuni ruoli. Direi che c'è anche una buona quantità di giocatori che sta giocando con una piccola continuità e questo fa il nostro gioco. E' un gruppo che sicuramente ha bisogno di un po' di tempo perché è totalmente nuovo, però sono abbastanza ottimista, poi sarà il campo a parlare". A quasi un mese di distanza dall'ultima gara disputata dalla sua under 21, quella di Vicenza, con successo per 1-0 sul Montenegro, il ct Paolo Nicolato, dal ritiro di Tirrenia, traccia un bilancio della rosa a sua disposizione in vista delle gare che attendono gli azzurrini nei prossimi 10 giorni contro Bosnia-Erzegovina e Svezia, valide entrambe per il girone di qualificazione agli Europei di categoria. "Io credo che ci siano delle possibilità di crescita – ha sottolineato il tecnico degli azzurrini – Dobbiamo sistemare alcuni equilibri in ruoli dove siamo un po' meno coperti, soprattutto dietro dove abbiamo molti giocatori che non giocano, quindi questo un po' ci preoccupa ma è una cosa risolvibile". "La prima sarà una gara molto difficile, giochiamo in Bosnia, contro una squadra molto quadrata, che ha pareggiato con la Svezia e che ha perso immeritatamente con l'Irlanda – ha proseguito Nicolato addentrandosi sui prossimi due impegni – Una partita che sarà molto complicata, soprattutto perché è la prima delle due, contro una squadra molto ben organizzata e fisica, in un ambiente particolare. Contro la Svezia, che sulla carta è uno dei nostri maggiori competitor per il primo-secondo posto del girone, si vedrà. Intanto pensiamo alla prima perché la Bosnia è una formazione che ha dato problemi a tutti, ha perso una partita sola, e l'ha persa immeritatamente, quindi non c'è niente di cui rilassarsi". Scongiurato il pericolo di perdere Sandro Tonali, per cui era possibile la chiamata in Nazionale maggiore stante i diversi infortuni nel reparto di centrocampo della rosa dei convocati da Mancini per le finali di Nations League, Nicolato ha voluto esaltare il momento d'oro del centrocampista rossonero, suggellato ieri sera da un gol importantissimo nella sfida di campionato fra Atalanta e Milan. "Non ho dubbi sul ragazzo, la prima volta che ha vestito la maglia azzurra l'ha fatto con me nell'under 18, quindi conosco da molto tempo lui e le sue qualità. Devo fargli un complimento particolare perché Sandro, che aveva già respirato il clima della Nazionale A, ha avuto la capacità non indifferente di rientrare poi in Under 21. Non è una cosa facile dal punto di vista emotivo, e non è così scontato. Non ho nessun dubbio su di lui, è bravo, ha grande personalità, ed è un ragazzo con cui mi lega anche un affetto particolare". Infine Nicolato ha commentato gli insulti razzisti piovuti ieri dal 'Franchi' di Firenze ai giocatori di colore del Napoli: "Non mi sorprende e non gli darei nessun tipo di visibilità e importanza. Rapportarsi con l'ignoranza è una cosa molto complicata e difficile". (ITALPRESS). lc/mc/red 04-Ott-21 15:43

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Rugby: Test-Match novembre, Italia con All Blacks, Argentina e Uruguay

Articolo successivo

Cartabia “Con la riforma giustizia più efficace”

0  0,00