Tennis: Djokovic resta re Atp, stabili Berrettini e Sinner, Sonego 21°

2 minuti di lettura

Il serbo alla sua 341^ settimana sul trono, nove azzurri nei top 100 ROMA (ITALPRESS) – Non cambia la top ten del ranking mondiale ATP, sempre guidata da Novak Djokovic: il 34enne serbo, diventato per la prima volta numero 1 del mondo il 4 luglio 2011 e al suo quinto periodo in cima al ranking, dopo aver strappato a Roger Federer il record all-time porta a 341 le sue settimane complessive sul trono. Alle sue spalle, ora distanziato di 1058 punti, il russo Daniil Medvedev, con il greco Stefanos Tsitsipas sul terzo gradino del podio (best ranking). Conferma al quarto posto anche per il tedesco Alexander Zverev, seguito nell'ordine dal russo Andrey Rublev e dallo spagnolo Rafa Nadal (a sua volta allunga la striscia record a 837 settimane consecutive in top ten). Si mantiene sulla settima poltrona Matteo Berrettini – entrato in top ten nel novembre 2019 – sempre a 642 punti dal campione di Manacor, che ha chiuso in 2021 in anticipo, proprio come l'austriaco Dominic Thiem, ottavo. Quindi in nona piazza l'elvetico Roger Federer (destinato ad uscire dalla Top 10 dopo Indian Wells) e a chiudere l'elite del circuito maschile il norvegese Casper Ruud, che rafforza la sua posizione con il titolo a San Diego, il quinto per lui in questo 2021 da applausi. L''Italtennis chiude apre il mese di ottobre con tre giocatori fra i primi 21 (quattro in Top 30) e nove nei top 100 della classifica mondiale Atp. Oltre a Berrettini, mantiene la 14esima posizione grazie al successo bis a Sofia Jannik Sinner, mentre con i quarti raggiunti a San Diego avanza di due gradini Lorenzo Sonego, al 21° posto, a ritoccare ancora il proprio best ranking, ad appena 39 punti da Reilly Opelka, alla casella numero 20. Un passo avanti pure per Fabio Fognini (30°), è stabile Lorenzo Musetti al numero 61, mentre Gianluca Mager grazie ai quarti a Sofia recupera sette posizioni portandosi al 71° posto. In progresso anche Marco Cecchinato (78°, +4), Stefano Travaglia, che con il titolo nel challenger rumeno di Sibiu sale otto posti ed è al numero 89, e Andreas Seppi (93°, +2), il nono azzurro in Top cento. (ITALPRESS). mc/red 04-Ott-21 11:26

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

‘Medicina generale: diritto dell’individuo’, al via congresso Fimmg

Articolo successivo

Roma, Pecoraro Scanio: “Incendio Ponte Industria sospetto, ora basta”

0  0,00