Calcio: Milenkovic “Gran gruppo e mister Italiano, a Firenze mi diverto”

2 minuti di lettura

"La Serbia mi manca, ma sto bene in viola, questa città ormai è una seconda casa", dice il difensore FIRENZE (ITALPRESS) – In questa Fiorentina "mi diverto tanto come credo anche tutti i miei compagni. Mister Italiano ha portato la sua idea, si vede che quest'anno giochiamo un calcio diverso da quello degli anni precedenti, siamo tutti contenti che stiamo andando bene per adesso, speriamo di continuare così". Lo ha detto il difensore viola, Nikola Milenkovic, in un'intervista concessa al sito ufficiale gigliato. Mister Vincenzo Italiano "urla sempre, non solo con me ma con tutti – ride Milenkovic -. Ci dice cosa fare e in che momento farlo. Non si ferma un momento, ci mette tanta emozione in quello che fa e si vede. Siamo un grande gruppo ed è questa una delle armi migliori che abbiamo". Un'altra è Dusan Vlahovic, attaccante in continua crescita e più che un compagno di squadra per Milenkovic. "Con Dusan siamo molto amici dai tempi del Partizan, ci conosciamo da tanto tempo". A Firenze è tornato l'entusiasmo per la 'Viola' e soprattutto il pubblico al Franchi, fattore molto importante secondo il difensore serbo. "Sentiamo i nostri tifosi al nostro fianco – sottolinea Milenkovic -. In ogni partita ci spingono molto e ci danno una grande mano quando giochiamo. Io piu' forte di Vidic? Ringrazio per queste belle parole che Stankovic ha detto su di me. Vidic è stato un idolo per me, paragonarmi con lui è difficile. E' stato un fuoriclasse, un giocatore incredibile e un difensore strepitoso. Io devo fare ancora molta strada, cerco di rubare qualcosa e di imparare da Vidic, ma voglio fare una strada mia anche se lui rimane un difensore pazzesco. La Serbia mi manca, lì sono nato, ho lasciato gli amici, ma anche a Firenze sto bene. Sono al quinto anno qui e ormai è una seconda casa per me". (ITALPRESS). lc/ari/red 07-Ott-21 12:45

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Thuram contro il razzismo “Già da bambino mi chiedevo il perché”

Articolo successivo

Tasse, evasione da sopravvivenza fenomeno diffuso

0  0,00