Volvo avvia la produzione della C40 Recharge a Ghent

5 minuti di lettura

Volvo ha avviato la produzione della C40 Recharge, il suo ultimo modello a trazione totalmente elettrica, presso il suo stabilimento di Ghent, in Belgio. La C40 Recharge e' la seconda auto completamente elettrica di Volvo e la piu' recente di una serie di nuove vetture elettriche al 100% che saranno presentate nei prossimi anni. Entro il 2030, mira a vendere solo auto a trazione elettrica, attuando cosi' una delle strategie di elettrificazione piu' ambiziose nel settore automobilistico. La Casa automobilistica punta inoltre a diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2040. Lo stabilimento di Ghent, uno dei piu' grandi della Casa svedese, funge da apripista nel percorso di Volvo verso la completa elettrificazione. Qui viene prodotta anche la XC40 Recharge, la versione a trazione solo elettrica del premiato SUV compatto della Casa e il primo modello totalmente elettrico del marchio svedese. Volvo sta incrementando notevolmente la capacita' di produzione di vetture elettriche dell'impianto di Ghent, cosi' da raggiungere le 135.000 unita' all'anno, e prevede che gia' nel 2022 piu' della meta' del volume di produzione dello stabilimento sara' costituito da modelli elettrici al 100%. "La C40 Recharge e' un'auto che rappresenta il nostro futuro", ha dichiarato Javier Varela, Senior Vice President per le attivita' industriali e la qualita' di Volvo. "Le nostre attivita' produttive e la stretta collaborazione con i fornitori sono fondamentali per la realizzazione delle nostre ambizioni future in termini di elettrificazione e di neutralita' climatica. Il nostro stabilimento di Ghent e' pronto per affrontare un futuro completamente elettrico e svolgera' un ruolo importante all'interno della nostra rete industriale globale nei prossimi anni". La C40 Recharge e' la piu' recente espressione delle ambizioni di Volvo riguardo a un futuro a zero emissioni. La Casa automobilistica introdurra' diversi altri modelli a trazione elettrica nei prossimi anni e mira a che il 50% del suo volume di vendite globali sia costituito da auto completamente elettriche gia' entro il 2025, per poi passare a una produzione solo elettrica entro il 2030. La C40 Recharge, modello di riferimento per la nuova strategia commerciale della Casa svedese, e' ordinabile online su volvocars.com in mercati selezionati in tutto il mondo. I clienti possono effettuare l'ordine comodamente da casa oppure insieme al concessionario di fiducia, attraverso il canale online. La nuova C40 Recharge, verra' fornita ai clienti completa di una vantaggiosa offerta di assistenza che include elementi quali manutenzione, garanzia, assistenza stradale, oltre all'assicurazione e alle opzioni di ricarica domestica, ove disponibili. Offre tutti i vantaggi di un SUV, sebbene con un profilo ribassato e piu' filante. Si distingue per una sezione posteriore dal design accattivante che ben si sposa con la linea piu' bassa del tetto, mentre il frontale ridisegnato propone un nuovo look per le Volvo a trazione solo elettrica e include proiettori dotati di un'avanzatissima tecnologia a pixel. All'interno, la C40 Recharge propone la posizione di seduta rialzata preferita dalla maggior parte dei possessori di una Volvo ed e' disponibile in varianti di colore e interni esclusive per questo modello. E' inoltre il primo modello Volvo ad avere interni completamente leather-free. Al pari della XC40 Recharge, la C40 Recharge e' dotata di uno dei migliori sistemi di infotainment presenti sul mercato, sviluppato in collaborazione con Google e basato sul sistema operativo Android. Il sistema mette a disposizione dei consumatori app e servizi di Google integrati, come ad esempio Google Maps, Google Assistant e Google Play. La disponibilita' di dati illimitati consente una connettivita' di livello superiore e la C40 Recharge ricevera' dunque gli aggiornamenti software via etere, in modalita' OTA. Cio' significa che l'auto continuera' a evolversi nel tempo, anche dopo aver lasciato la fabbrica. Il sistema di propulsione consta di due motori elettrici, uno sull'asse anteriore e uno su quello posteriore, alimentati da una batteria da 78 kWh che puo' essere ricaricata velocemente dal 10% all'80% della capacita' in meno di 40 minuti. L'autonomia di percorrenza prevista e' di circa 420 km. (ITALPRESS). tvi/com 07-Ott-21 13:57

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Carcinosi peritoneale, le nuove frontiere del trattamento

Articolo successivo

F.1: Gp Turchia. Verstappen “Perdere il Mondiale non mi cambia la vita”

0  0,00