Scherma: Spada. Chiadò”Grandi stimoli e chance per tutti,parlerà pedana”

4 minuti di lettura

Il nuovo responsabile d'arma ha ricevuto la visita del presidente Azzi nel ritiro di Tirrenia TIRRENIA (ITALPRESS) – "Le grandi motivazioni che animano me, lo staff e soprattutto ogni singolo atleta sono alla base del lavoro che abbiamo appena impostato. Sono felice di questo inizio e molto fiducioso per il percorso che abbiamo davanti". Parole di Dario Chiadò che, al Centro di preparazione Olimpica di Tirrenia, sta in questi giorni dirigendo il primo allenamento collegiale delle Nazionali Assolute di spada maschile e femminile. Il nuovo responsabile d'arma ha scelto una convocazione molto allargata per cominciare la nuova avventura, radunando nella struttura del Coni in Toscana 40 atleti (20 spadisti e altrettante spadiste). "Un modo per poter incontrare tutto il gruppo, stare insieme, parlare singolarmente con ragazzi e ragazze oltre che per avviare il lavoro a poco più di un mese dai primi appuntamenti di Coppa del Mondo. C'è chance per tutti. Sono sicuro di avere a disposizione un potenziale importante sia al maschile che al femminile, a parlare poi sarà sempre la pedana che dà ai più esperti come ai giovani l'opportunità di farsi spazio. Il mio compito è metterli nella migliore condizione possibile per esprimersi al massimo. C'è bisogno di un grande lavoro di contatto tra il nostro staff e i maestri con i quali gli atleti si allenano nelle rispettive sedi", prosegue il CT Chiadò. A Tirrenia, in occasione del primo ritiro della spada azzurra con il nuovo commissario tecnico, anche il presidente della Federazione Italiana Scherma, Paolo Azzi, ha portato il suo saluto ad atleti e staff. "Mi ha fatto estremamente piacere ricevere la visita del presidente in questo appuntamento utile per mettere in moto la macchina – ancora il responsabile d'arma Chiadò -. L'aspetto organizzativo è fondamentale per vivere al meglio questo breve periodo di assestamento: la ripresa della stagione internazionale è alle porte e ci auguriamo sia quanto più regolare possibile dopo una lunga fase segnata dal rinvio di tantissime gare e dunque con pochi riferimenti rispetto al passato". Alla prima convocazione hanno risposto, per il settore maschile, Gianpaolo Buzzacchino, Gabriele Cimini, Fabrizio Citro, Valerio Cuomo, Daniel De Mola, Matteo Di Coste, Davide Di Veroli, Edoardo Foti, Giulio Gaetani, Enrico Garozzo, Giorgio Guerriero, Marco Molluso, Edoardo Munzone, Giacomo Paolini, Paolo Pizzo, Andrea Russo, Andrea Santarelli, Matteo Tagliariol, Andrea Vallosio e Federico Vismara. Il gruppo femminile è invece composto da Sara Billi, Francesca Boscarelli, Alessandra Bozza, Beatrice Cagnin, Alice Clerici, Eleonora De Marchi, Elena Ferracuti, Marta Ferrari, Rossella Fiamingo, Nicol Foietta, Giordana Gallina, Federica Isola, Sara Maria Kowalczyk, Roberta Marzani, Mara Navarria, Alessia Pizzini, Giulia Rizzi, Emilia Rossati, Alberta Santuccio e Gaia Traditi. Lo staff tecnico del CT Chiadò è formato da Alessandro Bossalini, Enrico Di Ciolo, Roberto Cirillo, Giacomo Falcini, Francesco Leonardi, Daniele Pantoni, Mario Renzulli, Alfredo Rota, Adalberto Tassinari, Paolo Zanobini e Massimo Zenga. A supporto degli azzurri della spada, in Toscana, anche i preparatori atletici Andrea Vivian e Marco Giangiuliani, il medico Chiara Lodoli, i fisioterapisti Maurizio Iaschi, Stefano Vandini e Francesco Aragona e il tecnico delle armi Antonio Di Biase. Primi obiettivi stagionali sono le due tappe che terranno a battesimo la Coppa del Mondo 2021/2022 di spada: Tallin per le donne e Berna per gli uomini, gare che si svolgeranno in contemporanea il 19 e 20 novembre prossimi. (ITALPRESS). ari/com 09-Ott-21 11:22

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Nations League. Risentimento muscolare, Calabria lascia ritiro

Articolo successivo

Papa Francesco “Sinodo proficuo se espressione dell’essere Chiesa”

0  0,00