Totti “Ho dato tutto in un calcio fatto d’amore, ora è business”

4 minuti di lettura

In un'intervista al The Guardian l'ex capitano della Roma parla della sua carriera: "Non ho rimpianti" LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Nessun rimpianto, piuttosto l'orgoglio di avere dato tutto, di aver vinto con la maglia della Roma e di essere diventato campione del mondo. Francesco Totti ha vinto, ma è stato uno dei migliori giocatori della sua epoca e non solo e la sua bacheca di trofei, considerato il suo calcio, non è abbastanza piena come poteva e doveva essere. In un'intervista al 'The Guardian', però, l'ex capitano della Roma assicura che non ha nulla da recriminare. "Potrei stare seduto qui a dire che avrei potuto fare tanto altro, ma non sono così. Ho fatto il massimo che potevo e ho preso tutto quello che c'era da prendere", dice Totti, mentre il tabloid inglese sottolinea che nel suo libro l'ex numero 10 spiega che l'unico suo grande cruccio "è non aver vinto il secondo titolo con la Roma", nella città che per lui resta "la più bella del mondo" e che non ha mai voluto lasciare anche per il fortissimo legame che ha sempre avuto con una maglia, quella giallorossa, che non ha mai voluto svestire. La classica bandiera, una figura che in questo calcio trova sempre meno spazio. "Ho iniziato a giocare in tempi diversi, allora c'era un calcio fatto di amore, di affetto verso i tifosi. Giocavo per la squadra che ho sempre amato e per me è stato molto più facile fare certe scelte – spiega al The Guardian -. Venticinque anni in una squadra non sono pochi, poi essendo il capitano oltre che uno dei giocatori più importanti, dovevo sempre essere all'altezza. Fare un confronto tra i miei tempi e quelli di ora è difficile. Oggi il calcio è più business. Vai dove puoi guadagnare di più ed è anche abbastanza giusto". Da ragazzino poteva andare al Milan, la famiglia disse no, ma in ogni caso nonostante il fascino del club che sentiva forte, lui non ci sarebbe andato: "Le decisioni le prendevo sempre io con la mia testa, i genitori danno consigli ed è giusto ascoltarli, ma ero molto giovane e sapevo che avevo tempo e potevo aspettare. Durante la mia carriera ci sono stati momenti in cui potevo andare altrove, ma la scelta di restare alla Roma è stata sempre fatta con il cuore, non potevo andarmene. Il Real Madrid era l'unica squadra in cui avrei potuto giocare. Un'esperienza in un paese diverso poteva essere qualcosa di bello per me e per la mia famiglia, ma ho deciso di restare a Roma e quando fai una scelta con la tua testa, non può mai essere una scelta sbagliata". Totti ammette quanto sia stato difficile il momento del ritiro. "Non vuoi mai veramente fermarti, non riuscivo a prendere bene l'idea di chiudere con il calcio giocato, ma poi, piano piano mi sono convinto che fosse la decisione giusta", dice Totti che sull'ipotesi di tornare un giorno alla Roma ribadisce: "Ho sempre messo questo club davanti a tutto e a tutti. Se un giorno mi chiamassero, ne discuterei". Intanto si dedica ai giovani talenti. "L'obiettivo principale in questo momento è trovare ragazzi promettenti, io non do lezioni ai ragazzi, dico solo che con determinazione, voglia e sacrificio si possono centrare alcuni obiettivi, ma per raggiungere certi livelli devi avere il talento". (ITALPRESS). ari/red 09-Ott-21 12:46

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Boban “Mondiale ogni 2 anni assurdità, non si può accettare”

Articolo successivo

Calcio: Serie A. Cairo “Perso un miliardo, sviluppare i ricavi esteri”

0  0,00