Italiano “Vlahovic professionista serio, darà tutto per la Fiorentina”

3 minuti di lettura

Il tecnico difende il bomber serbo dopo il no al rinnovo del contratto ROMA (ITALPRESS) – Dusan Vlahovic "ha ancora due anni di contratto. E' un professionista serio. Darà tutto per la Fiorentina. Credo che quando ci sarà da andare in campo e spingere forte lo farà, sempre. Mi auguro non interferiscano problemi extracalcistici. E mi fermo qui. Parlare adesso di come sostituirlo, con il mercato tra tre mesi, ha poco senso. Abbiamo Kokorin e dobbiamo cercare di ricavarne il massimo, perché in quella zona del campo sono lui e Vlahovic la nostra coppia. Anche se in alcune partite si possono scovare altre soluzioni". Lo ha detto in un'intervista al "Corriere dello Sport" il tecnico della Fiorentina, Vincenzo Italiano, in merito alla situazione del giovane bomber serbo, che ha rifiutato il rinnovo del contratto in scadenza nel 2023. E sull'episodio di razzismo di cui è stato vittima domenica scorsa Kalidou Koulibaly al termine di Fiorentina-Napoli, Italiano ha sottolineato che "i responsabili vanno individuati e puniti, poco da dire. In questo caso il responsabile è uno. Non trovo giusto che venga coinvolta un'intera città, perseguito un intero stadio. Un Daspo per molti anni a chi si è reso colpevole del gesto, come si è fatto in altri casi. Ritengo sia il modo migliore per cercare di limitare il problema". A chi invece gli ha chiesto se la Fiorentina possa diventare l'ottava 'sorella' del campionato, Italiano ha risposto: "E' presto. La Serie A è complicata. È una stagione di trasformazioni. Nuove panchine, nuove realtà. Ci vogliono dodici-quindici partite per capirci qualcosa. Noi intanto ci godiamo la posizione bellissima, l'inizio confortante, i margini di miglioramento enormi che possediamo e il fatto di essere lì in alto". "Sono d'accordo con il presidente Commisso: stazionare sul lato sinistro della graduatoria è già interessante – ha proseguito Italiano -. Se poi continuiamo con questo spirito nulla è impossibile. C'era entusiasmo nel tifo sin dal ritiro di Moena. Ho avvertito la voglia di tornare allo stadio, colgo l'orgoglio dei giocatori quando escono sotto gli applausi anche se abbiamo perso. Non bisogna mai dimenticare che l'obiettivo principale di questo lavoro è rendere felici i tifosi". (ITALPRESS). lc/fsc/red 10-Ott-21 10:29

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Green pass, 12 arrestati compresi i vertici di Forza Nuova

Articolo successivo

Caruso eliminato al secondo turno a Indian Wells

0  0,00