Calcio: Ibanez “Nazionale italiana? Ascolto chi mi chiamerà”

1 minuto di lettura

Nato in Brasile da madre uruguaiana, il difensore della Roma ha anche il passaporto italiano ROMA (ITALPRESS) – Un altro brasiliano per la difesa azzurra? Roger Ibanez strizza l'occhio a Roberto Mancini, sulle orme dell'amico ed ex compagno di squadra all'Atalanta, Rafael Toloi. Il centrale della Roma, originario del Rio Grande do Sul e di madre uruguaiana, ha anche il passaporto italiano. "Io sono nato in Brasile, mi sento brasiliano e vorrei giocare nel Brasile – precisa in un'intervista al 'Corriere dello Sport' – Ma vediamo. Ascolto chi mi chiamerà, il calcio è cambiato: tante squadre naturalizzano i giocatori. Se ne ho già parlato con i brasiliani azzurri? No, non ancora. Ma Toloi è mio amico. E' stato un punto di riferimento importante per me quando sono arrivato a Bergamo. Vedremo cosa succederà, appunto". Eppure la scorsa estate Ibanez è stato a un passo dal vestire la maglia verdeoro ai Giochi di Tokyo. "Mourinho sapeva quanto io ci tenessi, mi ha solo detto occhio, se non vieni in ritiro poi devi recuperare il terreno perduto. Io sarei andato, perché un'occasione del genere non capita spesso. Poi abbiamo vinto la medaglia d'oro… Ma la Roma ha deciso che era meglio di no e allora bene così". (ITALPRESS). glb/red 13-Ott-21 09:26

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ballottaggi. Meloni e Michetti, state sbagliando comunicazione

Articolo successivo

Ricciardi “Logorante fare tamponi continui, aumenteranno i vaccini”

0  0,00