Calcio: Mirante “Non potevo dire no a Milan, porto esperienza e qualità”

3 minuti di lettura

"Trovo una squadra che ha un'identità precisa e grande entusiasmo" MILANO (ITALPRESS) – "La trattativa è stata un fulmine, la telefonata è arrivata dopo l'infortunio di Maignan al quale faccio un grande in bocca al lupo, e subito ho accettato il Milan, è una cosa che non si poteva neanche discutere". Antonio Mirante non poteva dire di no. Disoccupato dopo l'addio alla Roma, il 38enne portiere è stato arruolato dai rossoneri per far fronte all'emergenza fra i pali dopo l'infortunio dell'ex Lille. "Le mie sensazioni sono positive – assicura in un'intervista ai canali social del club – soprattutto per il modo in cui è arrivata la chiamata. Questo mi dà ulteriore spinta: ho la consapevolezza e l'età per non farmi prendere dal panico della situazione visto che è arrivato tutto all'improvviso". Oltre a giocarsi il posto con Tatarusanu, Mirante punta a dare il proprio contributo anche fuori dal campo. "Alla mia età è giusto che porti anche le mie qualità umane in uno spogliatoio che dall'esterno sembra già ad alti livelli. È una squadra che dà l'impressione di avere grande entusiasmo, grande spinta, sempre positiva, e questo per me ha un valore". Con Pioli non ha mai avuto modo di lavorare "ma ho sempre avuto l'impressione di un allenatore preparato, che è arrivato al Milan nel momento migliore e questo ha permesso sia al Milan che al mister una crescita esponenziale e credo che questo matrimonio durerà a lungo". Mirante conta di ambientarsi in fretta, a Milanello conosce già diversi giocatori, in primis l'ex compagno alla Roma Florenzi, e troverà una squadra che "dà l'idea di sapere quello che fa, di andare forte, sempre ben messa in campo, che ha un'identità ben precisa e può dare veramente filo da torcere a tutti". Come preparatore dei portieri, invece, si confronterà con Dida: "E' stato un portiere eccezionale. Si può sempre migliorare e arrivo al campo conscio del fatto che ogni giorno metto un mattone sulla mia esperienza e la mia qualità. Dida mi porterà a limitare i miei difetti, non posso pensare di accontentarmi". (ITALPRESS). glb/red 14-Ott-21 11:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tumore al seno metastatico, 30% pazienti vivo a 5 anni da diagnosi

Articolo successivo

Incontro Governo-Sindacati, più impegno per la sicurezza sul lavoro

0  0,00