Calcio: Milan. Giroud “Io bravo a superare difficoltà, futuro da ds”

3 minuti di lettura

"Ho sempre ammirato questo club, potrebbe essere la fantastica conclusione della mia carriera in Europa", dice il francese MILANO (ITALPRESS) – "Ho sempre ammirato il Milan, potrebbe essere una fantastica conclusione per la mia carriera in Europa". Non disdegna mai di dimostrare il proprio attaccamento ai colori rossoneri, Oliver Giroud, attaccante francese, arrivato al Milan questa estate. "Qui si sente tutto il peso della storia – ha aggiunto Giroud -. Il mio idolo Shevchenko? L'ho incontrato molte volte, gli ho detto che era il mio eroe, ha riso ma gli ho fatto firmare ugualmente una maglietta ed ero felicissimo". In carriera Giroud ha vinto praticamente tutto, sia con le formazioni di club che con la nazionale: "Supero difficoltà e dubbi, riesco sempre a riprendermi, sono così. Ho vinto tanti trofei e vissuto cose incredibili, non l'avrei mai immaginato. Mi sento molto fortunato". Con la maglia del Milan 5 presenze e 2 reti, prima di contrarre il covid e avere un problemi alla schiena. La scelta di vestirsi di rossonero non è stata casuale: "Quando al Chelsea giocavo poco con Lampard in panchina, gli dissi che avevo la possibilità di andare alla Lazio, all'Inter e anche al Tottenham – rivela il francese -. Ho spiegato che dovevo essere di nuovo felice, volevo che mi capisse e mi desse un'opportunità in un'altra squadra, perché non si può giocare con la carriera di un calciatore in quel modo". "Ha capito le mie emozioni e gli sono grato, perché sono rimasto e le cose sono andate bene dopo. Ho giocato di nuovo, ho segnato gol e ho contribuito a far qualificare il Chelsea per la Champions League", ha aggiunto Giroud che, sul suo futuro, ha spiegato: "Il lavoro di allenatore mi sembra troppo stressante. Preferisco fare qualcosa con i giovani o fare il direttore sportivo, ho parlato con qualcuno di tutto questo. Vorrei aiutare i giovani o aiutare un'accademia a trovare buoni giocatori. Ho qualcosa da offrire. Oggi i giovani giocatori devono fare i conti con un'atmosfera diversa intorno al calcio. Devi essere abbastanza intelligente da proteggerti dalle critiche e dai problemi causati dai social media". "L'immagine è diventata importante. Devi stare attento a quello che dici e che fai. Devi mostrare umiltà e avere anche un buon entourage intorno a te. Se non sei pronto a gestire i complimenti, puoi distrarti a 20 o 21 anni – ha concluso Giroud -. È più difficile essere un grande giocatore di questi tempi perché queste cose intorno al calcio rendono tutto più difficile". (ITALPRESS). mra/ari/red 15-Ott-21 14:00

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Farina (Poste) “Con francobollo consegniamo Santelli alla storia”

Articolo successivo

Calcio: Nations League.Rosetti”Gol mbappè regolare,ma regola va rivista”

0  0,00