Juric ritrova il Napoli “Per fermarlo servirà un Torino al top”

3 minuti di lettura

Il tecnico granata: "Con Spalletti la squadra sembra non avere punti deboli" TORINO (ITALPRESS) – L'anno scorso con il suo Verona se la giocò al Maradona, riuscendo a fermare il Napoli sul pareggio, un risultato che consentì alla Juventus di qualificarsi per la Champions scavalcando gli azzurri. Domani Ivan Juric proverà a fare un altro sgambetto ai partenopei nel loro stadio, anche se contro la capolista che guida a punteggio pieno il campionato non sarà certo facile ottenere un risultato positivo. "Già nella seconda parte della scorsa stagione il Napoli aveva alzato il proprio livello di gioco – spiega l'allenatore del Torino alla vigilia del confronto con i partenopei – Con l'arrivo di Spalletti hanno raggiunto un equilibrio fantastico, hanno dei giocatori molto tecnici e riescono a fare gol in ogni situazione. Finora hanno vinto tutte le partite, rendendo vani i tentativi di tutte le avversarie che hanno provato a fermarli. Domani servirà una prestazione al top da parte nostra, contro un avversario che non sembra avere dei punti deboli". Inevitabile, per il mister croato, sfuggire alle domande sulla partita che nella passata stagione costò la Champions agli azzurri: "Per me è stata una partita come le altre e l'ho preparata come tutte le altre gare. Poi ognuno reagisce come vuole, l'importante è che la squadra faccia bene". Oltre alla forza degli avversari, domani il Torino dovrà fare i conti con le assenze che priveranno i granata di tre giocatori importanti come Pjaca, Praet e Verdi, oltre alla situazione in attacco, dove Belotti e Zaza hanno da poco recuperato dai rispettivi infortuni, mentre Sanabria avrà nelle gambe la trasferta in Sudamerica. "Belotti è un giocatore muscolare e ha bisogno di tempo per recuperare le forma migliore. Credo che dopo la prossima sosta potremo vedere il vero Gallo – sottolinea Juric – Per quanto riguarda Zaza, ha dovuto seguire un percorso di recupero simile a quello di Belotti, seppur con un infortunio diverso, ma almeno ha potuto riprendere a correre un po' prima. Non è facile capire a che punto sono per affrontare una partita complicata come quella di domani, Sanabria potrà aggregarsi ai compagni soltanto un giorno prima della partita. Purtroppo – conclude il tecnico dei granata – noi allenatori dobbiamo adattarci anche a questo tipo di situazioni". (ITALPRESS). rol/mc/red 16-Ott-21 12:50

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Accordo Fis-Decathlon, firmata partnership per attività promozionali

Articolo successivo

Calcio: Gravina “Vittorie azzurre grande regalo per il paese”

0  0,00