Calcio: Venezia. Zanetti “La salvezza dobbiamo costruirla in casa”

2 minuti di lettura

"La Fiorentina è molto vicina a essere una grande squadra" VENEZIA (ITALPRESS) – "Per questo match la città ha risposto in maniera magnifica. Ci saranno tanti spettatori: tocca alla squadra ripagare i nostri tifosi con l'atteggiamento che vogliono vedere, onorando la maglia e i colori che portiamo. Con i nostri tifosi si e' venuta a creare un'alchimia importante, forse anche grazie alle prestazioni e a quanto stiamo mostrando in campo, senza mollare mai. La nostra salvezza dobbiamo costruirla in casa". Lo ha detto il tecnico del Venezia, Paolo Zanetti, alla vigilia del match casalingo contro la Fiorentina. "Abbiamo perso Fiordilino: sarà lui ad andare fuori lista per far spazio a Romero. Ho tanta stima in lui, sinora è stato sfortunato. Purtroppo ha delle ernie che gli provocano una pubalgia importante, dovrà operarsi e rimarrà fuori da uno a due mesi. Inoltre Modolo ha l'influenza e non è convocato. In porta non ho ancora deciso: ho visto bene sia Romero che Maenpaa", ha dichiarato ancora il tecnico arancioneroverde. Contro i viola il Venezia cercherà il primo successo stagionale al Penzo. "Per salvarci dobbiamo fare 35-37 punti. Per raggiungere l'obiettivo, dobbiamo centrare più di qualche vittoria. Voglio un Venezia diverso dal primo tempo di Cagliari, mentre poi nel secondo abbiamo dominato la gara: da questo dobbiamo ripartire", ha proseguito Zanetti. "La Fiorentina? Sono molto vicini a essere una grande squadra. Hanno convinzione, ritmo e un'idea di gioco. Dovremmo fare una gara intelligente: la partita è lunga, loro sono aggressivi ma lasciano qualche spazio", ha concluso il tecnico arancioneroverde. (ITALPRESS). rag/pdm/red 17-Ott-21 19:30

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Inaugurato Vinitaly Special Edition, settore guarda al post-pandemia

Articolo successivo

Calcio: Salernitana. Colantuono “Felice di riabbracciare questa terra”

0  0,00