Dal Pino “Stato non ha a cuore calcio, daspo a vita ai razzisti”

4 minuti di lettura

Il presidente della Lega: "Non abbiamo chiesto ristori, spero si ripari a questa dimenticanza". ROMA (ITALPRESS) – E' una ferita aperta, anche se ancora in tempo per essere guarita. "E' difficile comprendere come uno stato non abbia a cuore settore che ha versato oltre 14 miliardi di contribuzioni". Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A e vice-presidente vicario della Figc, non nasconde la delusione cocente per il decreto del consiglio dei ministri che ha di fatto 'snobbato' la richiesta di aiuti finanziari al mondo del calcio. "Abbiamo chiesto provvedimenti a costo zero per società che, a causa della pandemia, sono in perdita di 1,2 miliardi – sottolinea il numero uno della Lega Calcio ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport' su Rai RadioUno – Spero si riesca a breve a riparare a questa dimenticanza, altrimenti non è accettabile. Non abbiamo chiesto dei ristori come altri settori, ma la dilazione delle scadenze di sei mesi di contributi del 2021: sono certo che il Parlamento, in sede di conversione del decreto, capirà le nostre ragioni". Per Dal Pino, inoltre, la riduzione dei costi "passa attraverso il financial fair play a livello europeo. Ci sono diverse cose che impediscono lo sviluppo delle società: in questo paese, ad esempio, per costruire uno stadio ci vogliono dieci anni contro i due delle altre nazioni europee". Negli ultimi giorni, il calcio italiano (e non solo) è tornato a fare i conti con il razzismo negli stadi. "Tutto ciò che è razzismo e discriminazione è orribile e non fa parte di noi – prosegue Dal Pino – Non è un problema solo di stadi, dove si vedono casi singoli di personaggi che non dovrebbero più entrarvi. Siamo al lavoro per un protocollo d'intesa per un daspo a vita verso chi si macchia di razzismo non solo in uno stadio, ma in tutti. Mi piacerebbe che nel nostro centro Var di Lissone ci sia una stanza, una respect room, dove la tecnologia ci aiuti a debellare le discriminazioni". E, a proposito di tv, inevitabile un focus sulla qualità delle partite trasmesse da Dazn: "Le nostre strutture hanno fatto tutte le verifiche sulla possibilità di avere il nostro campionato solo sulla rete. Le condizioni c'erano e ci sono. Dazn è responsabile e abbiamo detto che è inaccettabile. Qualcosa di meglio però si è visto nelle ultime domeniche, speriamo che ciò porti all'uso della banda larga in tutto il paese". Ricordato come la Lega abbia in concreto rinunciato allo 'spezzatino' così come inteso in Europa e spiegato come i club siano ancora orientati ad un campionato a 20 squadre, Dal Pino nota come la tendenza di Fifa e Uefa sia quella di "far proliferare gli eventi e occupare il calendario. L'idea dei Mondiali ogni due anni e la nuova coppa europea (la Conference League, ndr) indicano ambizioni sempre più importanti. Dal loro punto di vista hanno una visione chiara. Ma anche noi l'abbiamo: vogliamo proteggere il nostro campionato in termini di date e di qualità delle nostre squadre, per renderle competitive in Europa". Il presidente della Lega, infine, ammette che la data per la Supercoppa Italiana tra Inter e Juventus "non è ancora definita. Una è verso la fine di dicembre, il 22, l'altra il 5 gennaio: stiamo parlando con i rappresentanti dell'Arabia Saudita, abbiamo un contratto con loro. Non hanno esercitato l'opzione e sono arrivati in ritardo, ora ci chiedono di giocarla da loro e per noi è positivo avere visibilità ed onorare il contratto". (ITALPRESS). mc/red 18-Ott-21 10:15

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ballottaggi. Ecco a chi è convenuta la manifestazione antifascista di Roma

Articolo successivo

Atlantia tra i leader sostenibilità con l’ingresso nel MIB ESG Index

0  0,00