Calcio: Champions. Chelsea, Tuchel “Lukaku mentalmente stanco”

3 minuti di lettura

Il tecnico tedesco: "Si gioca troppo e Romelu dà sempre il massimo per vincere" LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Romelu Lukaku potrebbe restare a riposo nel match di Champions contro il Malmoe. Lo lascia intendere il tecnico del Chelsea, Thomas Tuchel, che in conferenza stampa ha difeso il suo attaccante, nelle ultime partite rimasto a digiuno di gol dopo un inizio più che prolifico in termini di reti. L'ex Inter è tornato in campo con il suo club dopo aver saltato la finale per il terzo posto di Nations League tra Italia e Belgio (vittoria per gli azzurri) a causa di un affaticamento muscolare, ma prima di allora aveva sempre giocato. "Lo vedo un po' stanco, penso che abbia giocato troppo. È un atleta fantastico, un ragazzo molto competitivo che dà il massimo nel suo lavoro per vincere il più possibile e so quanto ci tenesse a farlo agli Europei e in Nations League con il suo Belgio – ha spiegato Tuchel alla vigilia del match con il Malmoe nello stesso girone della Juventus -. Per lui significa molto giocare per il suo Paese e se le cose non vanno bene ne avverte il peso. Sento che è un po' stanco mentalmente, ma non so dire se ha bisogno di una pausa o se è meglio tenerlo in campo per recuperarlo al meglio". Secondo Tuchel possono avere lo stesso problema del bomber belga anche "Mason Mount e Jorginho. Hanno dato tutto per le rispettive nazionali e adorano farlo, ma giocare tante partite l'anno diventa pesante". Dichiarazioni che fanno riflettere in un momento in cui si parla di Mondiali ogni due anni. "I calciatori giocano troppo. Sono un grande fan della qualità e non della quantità. Ma questa non è una novità e faccio notare che la prossima sosta per le nazionali è in arrivo. A gennaio e febbraio avremo un'altra competizione (Mondiale per club, ndr) da giocare e le cose potrebbero diventare ancora più difficili. I giocatori di qualità devono essere in forma perché gli spettatori vogliono vedere i migliori in ottime condizioni, ma c'è troppo calcio e troppe competizioni diverse". (ITALPRESS). ari/red 19-Ott-21 18:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

Articolo successivo

Tennis: Torneo Anversa. Musetti batte Mager e si ‘regala’ Sinner

0  0,00