Calcio: Ampadu “In questo Venezia c’è grande alchimia,sogno il Mondiale”

3 minuti di lettura

Il nazionale gallese crede nel lavoro della sua squadra: "Abbiamo dimostrato il nostro valore" VENEZIA (ITALPRESS) – Ethan Ampadu è uno dei tanti stranieri di un Venezia che sta vivendo con entusiasmo la stagione del ritorno in A dopo una lunga assenza. Per mister Zanetti il nazionale gallese è una risorsa importante grazie anche alla sua duttilità. "Il fatto che io possa giocare in più posizioni può essere sicuramente funzionale per la squadra, personalmente mi trovo bene a giocare sia in difesa che a centrocampo, l'importante per me è aiutare il più possibile i miei compagni in qualsiasi ruolo il mister decida di schierarmi", spiega l'ex Sheffield che poi si sofferma sul momento che stanno vivendo i lagunari, reduci dalla bella vittoria casalinga di lunedì contro la Fiorentina. "Abbiamo dimostrato di essere un buona squadra, credo che il nostro gruppo sia un perfetto bilanciamento fra ragazzi giovani e giocatori esperti. Fra di noi c'è una grande alchimia e questo può essere sicuramente un freccia al nostro arco per fare bene in questo campionato – spiega Ampadu -. In Serie A tutti i team sono forti, non ci sono match semplici. Anche se ci stiamo adattando noi siamo comunque appena arrivati in questa lega e tutti vengono qui pensando di fare risultato: sta a noi cercare di smentirli come è successo lunedì, questo dando il meglio di noi stessi e affrontando una partita per volta, preparandoci a seconda degli avversari che andremo ad affrontare". Anche Zanetti, come tecnico, è un debuttante nel massimo campionato, ma dà l'impressione di non aver patito il salto di categoria. "Contro la Fiorentina il mister ha richiesto una particolare attenzione in difesa e noi abbiamo cercato di tradurre in campo le sue indicazioni al meglio, forse riuscendoci dato che non abbiamo concesso gol", spiega Ampadu che ha ben chiaro in mente il tipo di progressi che deve fare. "Venendo da un campionato come la Premier League dove il metro di giudizio degli arbitri sui contrasti è diverso, forse devo migliorare nel cercare di non prendere cartellini gialli, ma d'altra parte ovviamente è un rischio a cui un giocatore come me con il compito di recuperare la palla per la squadra è più esposto". Far bene al Venezia per poi sognare qualcosa di grande con il suo Galles. "Le prossime partite che giocherò con la mia nazionale saranno dei match chiave per la nostra qualificazione e dovremo affrontarle al meglio. Giocare il Mondiale è il sogno di ogni ragazzo, per questo farò di tutto per portare la mia nazionale in Qatar". (ITALPRESS). ari/red 20-Ott-21 15:55

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nasce il Museo Digitale della Storia del Metodo Scientifico in Medicina

Articolo successivo

F.1: Sainz “Ferrari un privilegio, è come giocare per Real e Spagna”

0  0,00