Calcio: Real. Ancelotti “Grande rivalità con Barça,Clasico non decisivo”

3 minuti di lettura

"Sarà una grande gara, per me è arrivato il momento di vincere al Camp Nou" MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – "E' bello avere timore di un avversario, perché sennò arrivi credendo di affrontare un gatto e invece si tratta di un leone. La paura è qualcosa che c'è prima di una partita, dopo un allenamento. È qualcosa di costante. È una bella sensazione, non parlo di terrore. Ci sono cose peggiori nella vita che perdere una partita". Così Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, in conferenza stampa in vista del Clasico contro il Barcellona. Un match particolare, diverso da tutti gli altri e la sfida a distanza col tecnico blaugrana Ronald Koeman: "Non so chi arriva meglio. Non ci sono favoriti. Il Barcellona ha giocato bene nelle ultime partite. Ci sono molti fattori che influenzano questo tipo di gare. Se è gara decisiva per il morale? Nel calcio stati d'animo cambiano in fretta". Con i catalani i blancos hanno una grandissima rivalità e Ancelotti di derby e sfide calde ne ha vissute parecchie: "Il rapporto è lo stesso di in un Milan-Inter o in un Chelsea-Tottenham. Siamo due squadre che stanno cambiando, ma sarà sempre una grande partita. Stiamo migliorando fisicamente. Non sappiamo ancora dove possano arrivare giocatori come Ansu Fati o Vinicius". In carriera Ancelotti ha già sfidato ben undici volte il Barça raccogliendo tre vittorie, tre pareggi e cinque sconfitte finora. "È una partita da tre punti. Non ho mai vinto al Camp Nou, quindi è il momento – ha detto Ancelotti -. Ma sono sempre tre punti, come tanti altri ne serviranno per vincere la Liga. Clasico senza Ronaldo e Messi? Le mie sensazioni sono le stesse, è una partita speciale. Ora ci sono altri giocatori e per me i giovani del Barcellona sono eccezionali. Il Clasico esisterà senza Messi, Cristiano, Sergio Ramos e senza quelli che ci sono adesso". Infine sulla formazione che scenderà in campo, il tecnico delle merengues ha concluso: "L'undici è deciso, ma non è corretto parlarne prima di farlo con i giocatori. Abbiamo recuperato Carvajal e Hazard. Sono tutti a disposizione. Hazard sta bene, ma è difficile per un giocatore che viene da un infortunio partire dall'inizio. L'importante è che sia con noi". (ITALPRESS). mra/ari/red 23-Ott-21 19:17

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Udinese. Gotti “Con Atalanta idee chiare e pronti a cambiare”

Articolo successivo

Tennis: Torneo Tenerife. Giorgi eliminata in semifinale

0  0,00