Acea continua a crescere nell’economia circolare, accordo con Instm

3 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – ACEA, multiutility attiva nei business dell'acqua, dell'energia e dell'ambiente, e il Consorzio Interuniversitario per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM) hanno sottoscritto un accordo quadro per lo sviluppo di nuovi materiali e l'applicazione di tecnologie innovative finalizzate alla gestione sostenibile delle materie prime e al riciclo dei prodotti, secondo le logiche di economia circolare nazionali ed europee. L'accordo è stato presentato oggi ad Ecomondo in una delle tavole rotonde organizzate da Acea Ambiente, società del Gruppo Acea che si occupa del trattamento e della valorizzazione dei rifiuti. Il progetto ha come scopo quello di rendere sostenibili i processi di produzione e le catene di valore, da un lato aumentando l'efficienza dei materiali, dall'altro investendo sul riuso e sull'utilizzo di prodotti riciclati per la produzione di beni durevoli ad alto valore aggiunto. In questo modo sarà possibile ridurre l'utilizzo delle risorse naturali generando ricadute positive sull'ambiente e la collettività. Ad Ecomondo, Acea Ambiente ha presentato anche il nuovo brevetto Gasiforming, sviluppato in collaborazione con Politecnico di Milano e INSTM. Questa tecnologia permetterà di trasformare il mix di plastiche non riciclabili, il cosiddetto plasmix, in ecocarburanti. Infatti grazie alla gassificazione le plastiche vengono convertite in syngas, largamente utilizzato nell'industria chimica di base, in un processo che non ha alcun impatto sull'ambiente. Attualmente è in corso il completamento del percorso di industrializzazione del brevetto con il trasferimento della licenza esclusiva italiana di utilizzo ad Acea Ambiente la quale prevede di realizzare impianti in cui verrà utilizzata questa tecnologia. "L'Accordo quadro con INSTM – ha dichiarato Giovanni Vivarelli, presidente di Acea Ambiente – rappresenta per ACEA un passo importante nello studio e nell'implementazione di modelli di economia circolare che devono necessariamente prevedere processi di produzione sostenibili e innovativi con procedimenti in grado di dare nuova vita, senza impatti sull'ambiente, a materie e sostanze considerate rifiuti. Con GASIFORMING, inoltre, utilizziamo la plastica destinata alla discarica o alla termovalorizzazione per produrre, con zero emissioni, nuovi beni anche attraverso la creazione di nuove filiere produttive, con ricadute positive sia per l'ambiente che per la collettività". (ITALPRESS). fsc/com 27-Ott-21 12:43

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mihajlovic “Arbitri? Ci deve essere più confronto”

Articolo successivo

Un kg di plastica marina può illuminare un appartamento per un giorno

0  0,00