Nuoto: Italia a Kazan con 40 atleti, Butini “Ripartiamo da Tokyo”

3 minuti di lettura

Paltrinieri e altri medagliati olimpici guidano la spedizione azzurra ROMA (ITALPRESS) – Il cammino verso le Olimpiadi di Parigi 2024 parte da Kazan. La sesta città della Russia per popolazione, nonché capoluogo della repubblica del Tartasan, si trasformerà per sette giorni in capitale del nuoto continentale e dal 2 all'8 novembre ospiterà i 21esimi Europei in vasca corta. L'Italnuoto sarà al via con quaranta atleti tra cui i medagliati olimpici a Tokyo Gregorio Paltrinieri (argento negli 800 e bronzo nella 10 chilometri), Alessandro Miressi (argento con la 4×100 stile libero e bronzo con la 4×100 mista), Thomas Ceccon (argento con la 4×100 stile libero e bronzo con la 4×100 mista), Nicolò Martinenghi (bronzo nei 100 rana e con la 4×100 mista), Lorenzo Zazzeri (argento con la 4×100 stile libero) e Simona Quadarella (bronzo negli 800 stile libero); presenti anche il trio meraviglia della rana, composto da Benedetta Pilato, Arianna Castiglioni e Martina Carraro e tanti giovani pronti definitivamente a sbocciare guidati da Alberto Razzetti e che, idealmente, è pronto a trascinare Costanza Cocconcelli, Lorenzo Mora, Leonardo Deplano, Erika Gaetani e il figlio d'arte Michele Lamberti. Torna il capitano Fabio Scozzoli, nella prima nazionale che non potrà contare sull'apporto della vincitrice di tutto Federica Pellegrini. Assenti Gabriele Detti, che ha ripreso la preparazione con gradualità, e Federico Burdisso e Santo Yukio Condorelli rimasti negli States. "Si riparte con ancora vive le sensazioni dei Giochi Olimpici – le parole del direttore tecnico Cesare Butini – Le ottime prestazioni ottenute dalla nostra squadra a Tokyo non devono essere mal interpretate; rafforzano la consapevolezza delle grandi potenzialità che abbiamo, ma allo stesso tempo ci devono far capire che non possiamo sederci. Questo sarà lo spirito con il quale affrontiamo la prima manifestazione internazionale di questo atipico triennio olimpico. Serve il massimo impegno La nostra delegazione è numerosa (40 elementi – 18 ragazze – 22 ragazzi) e altrettanto qualitativa. Abbiamo, come spesso è accaduto in questa manifestazione, inserito giovani atleti per favorire sia la loro crescita, che il ricambio generazionale necessario. Proveremo a trasformare in forza collettiva l'esperienza degli atleti più navigati e l'esuberanza dei più giovani. La manifestazione, articolata su sei giorni, sarà anche valida per la qualificazione ai prossimi campionati mondiali di corta". Tenendo conto del periodo e della tradizione azzurra a novembre, Butini si aspetta comunque buoni risultati: "Dobbiamo considerare anche che sarà una stagione agonistica densa di appuntamenti internazionali che ci guideranno agli Europei di Roma ad agosto 2022, passando per i Mondiali in vasca corta di Doha (16-21 dicembre) e quelli in lunga di Fukuoka (22-29 maggio 2022)". (ITALPRESS). glb/red 30-Ott-21 16:00

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Empoli. Andreazzoli “Speriamo interrompere scia negativa”

Articolo successivo

Mou e l’ambiente romano “Vedete solo lato negativo”

0  0,00