Thohir “Gli Zhang riflettano e trovino un acquirente degno dell’Inter”

3 minuti di lettura

L'ex patron nerazzurro "Amo questo club e spero vinca lo scudetto" ROMA (ITALPRESS) – "Suning in difficoltà? Preferisco non commentare. Sempre per via dell'amore che nutro nei confronti dell'Inter. E per via di tutto quello che Suning ha fatto per vincere lo scudetto. Una cosa è certa: loro hanno grande rispetto per l'Inter e per gli italiani. Quando verrà il momento di lasciare, lo faranno. Se è questo il momento non lo so. Dipende da loro. Se sei innamorato, essere lucidi al momento delle decisioni non è facile. Posso dire che chiunque arrivi e s'impegni a mantenere l'Inter a questi livelli avrà il mio apprezzamento. L'Inter è un patrimonio globale, non solo dei tifosi italiani: lasciamo che gli Zhang riflettano e trovino eventualmente un acquirente di quel tipo". A dirlo in un'intervista al "Corriere dello Sport" l'ex patron dell'Inter, Erick Thohir, l'uomo d'affari indonesiano che cedette il club nerazzurro alla famiglia Zhang. "Passione e business, per me è stato un mix – evidenzia Thohir -. Sono un uomo d'affari. È come quando metti su famiglia: conta l'amore ma conta anche che cose porti in tavola Se le finanze dell'azienda non sono in ordine stai fresco". Guardando all'attualità, Thohir dice che il nuovo tecnico, Simone Inzaghi, "non mi pare stia andando male. Ha portato stabilità. Non c'è motivo di pensare che l'Inter non possa salire ancora in classifica. A me piace lo stile di Suning, basato su una mentalità imprenditoriale. Io spero sempre che lo scudetto lo vinca l'Inter. La squadra è buona. Deve diventare più continua. La difesa è una delle migliori: Bastoni, De Vrij, Skriniar. E poi Barella. Abbiamo cercato dappertutto un giocatore simile, cominciando da Medel, ma non si è mai trovato perché uno così non c'era. Poi sono contento che Brozovic e Perisic siano ancora là". "Lukaku? In questo gioco non esistono il giusto e l'ingiusto. Le cose succedono per una ragione. Bravi i professionisti che ci sono adesso ad aver scelto Dzeko e Correa per sostituire Lukaku. Equilibrio, la parola magica è sempre questa", conclude. (ITALPRESS). fsc/red 31-Ott-21 11:50

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Juve. Dybala “Rialziamoci, uniti per ribaltare la situazione”

Articolo successivo

G20, Draghi e i leader a Fontana di Trevi lanciano la monetina

0  0,00