Calcio: Conte “Fiero del mio passato, ora grandi cose col Tottenham”

5 minuti di lettura

"Il club mi aveva già cercato in estate, ma non era il momento dopo le due intense stagioni con l'Inter" LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – "E' un grande piacere, un grande onore, adesso tocca a me ripagare questa fiducia". Inizia con queste parole l'intervista che Antonio Conte ha rilasciato al sito del Tottenham, il suo nuovo club. L'entusiasmo non gli manca, è una componente fondamentale del suo carattere da allenatore, così come la grinta, le due cose camminano di pari passo ed è per questo che per l'ex ct azzurro dare tutto sin dal primo allenamento è una missione per lui naturale. "Il mio modo di vedere il calcio è semplice, esprimere un bel gioco che sia attraente per i tifosi, facendo tutto con passione, voglio una squadra che sia stabile, senza alti e bassi. Credo che questa tifoseria meriti di avere una squadra competitiva e pronta a combattere. Farò di tutto per meritare il loro supporto", spiega il tecnico italiano che torna a Londra, dove ha lavorato e vinto sulla panchina del Chelsea, con un curriculum importante e la definizione di vincente che si è meritata sul campo ottenendo titoli da calciatore e da tecnico. "Alla Juve sono stato 13 anni e ho vinto molto da giocatore, poi sono tornato da allenatore agli inizi della mia nuova carriera, ho vinto iniziando un ciclo che poi ho fermato con l'Inter. Negli ultimi due anni con i nerazzurri siamo stati il secondo miglior attacco e la migliore difesa. Il passato è importante, ne sono fiero, ma sono orgoglioso della mia nuova fida con il Tottenham che potrebbe rappresentare una parte importante della mia carriera". Come detto l'entusiasmo non gli manca e anche la gratitudine per il pressing del club che lo ha voluto fortemente. "Per me è un grande piacere, un grande onore diventare l'allenatore del Tottenham. Penso che questa sia una grande opportunità per me di tornare in Inghilterra in un club di grandi giocatori e, di sicuro, sarà un piacere essere allenatore degli Spurs – le parole di Conte -. Voglio ringraziare la società, il club e Daniel Levy mi hanno voluto fortemente e per me è un onore accettare questo incarico. C'era già stata una chiamata del Tottenham quest'estate, ma avevo appena chiuso il mio lavoro all'Inter dopo due stagioni importanti, ma anche molto dure". "Onestamente non era il momento giusto per ricominciare un'altra esperienza con un club importante in Inghilterra e nel mondo come il Tottenham – ha aggiunto Conte -. Ho preferito aspettare e godermi il tempo con la mia famiglia. Inoltre, emotivamente, ero ancora preso dall'ultima esperienza con l'Inter, ero sicuro di aver bisogno di una pausa dopo le due intense stagioni in nerazzurra dove ho vissuto un'esperienza fantastica. Nella prima stagione abbiamo ottenuto il secondo posto e siamo arrivati in finale di Europa League, poi abbiamo vinto il campionato, interrompendo il ciclo di una squadra vincente come la Juventus che durava da nove anni. Avevo bisogno di una pausa, non me la sentivo di prendere un'altra squadra in quel momento. Devo essere convinto al 110% per iniziare, perché quando comincio poi sono totalmente coinvolto nel progetto". Il fascino del club lo sente già, così come ha avuto modo di apprezzare l'organizzazione e le strutture del club. "Arrivo in un top club dove lo stadio e i campi di allenamento sono meravigliosi, penso che il Tottenham sia ai massimi livelli da questo punto di vista. Ora devo iniziare a lavorare per portare la squadra allo stesso livello delle infrastrutture. Qui vedi il campo di allenamento e ti viene subito voglia di lavorare, di fare qualcosa di importante per i tifosi di questo club". (ITALPRESS). ari/red 03-Nov-21 13:57

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Conference. Mourinho “Col Bodo squadra diversa dall’andata”

Articolo successivo

Tg News – 3/11/2021

0  0,00