Calcio: Mazzarri “Dare tutto e l’aiuto dei tifosi contro l’Atalanta”

3 minuti di lettura

"Non voglio cercare alibi, ma non si rinuncia a un giocatore come Keita a cuor leggero", dice il tecnico del Cagliari CAGLIARI (ITALPRESS) – Non cerca alibi Walter Mazzarri, ma allo stesso tempo non fa nulla per nascondere che l'affollamento dell'infermeria gli rende ancora più complicato il lavoro. Non è ancora il Cagliari che vuole vedere quello visto nelle ultime partite e del resto la classifica è lì che parla chiaramente delle difficoltà dei sardi. Domani sera arriva l'Atalanta, formazione ormai da anni ai vertici del campionato italiano e capace di mettere in crisi club storici come il Manchester United. Si parte dalle assenze, ancora una volta numerose e rilevanti. "Questa situazione è ormai una costante. Non voglio cercare alibi ma è chiaro che, ad esempio, non si rinuncia ad un calciatore come Keita a cuor leggero. Altri sono stati recuperati all'ultimo momento della scorsa gara; Caceres è squalificato…- fa notare Mazzarri in conferenza stampa-. Io comunque devo fare il massimo perché il Cagliari renda la vita difficile all'Atalanta; magari con l'aiuto del pubblico che contro la Roma ha raccolto i nostri input positivi e ci ha caricato alla grande. Spero che succeda lo stesso anche domani". La sconfitta di Bologna è stata secca e muovere la classifica diventa una necessità, al di là dell'avversaria di turno. "Quando non si fanno punti è inutile fossilizzarsi troppo sulla partita che si è persa; dobbiamo invece concentrarci sulla prestazione per arrivare poi al risultato. Le ultime tre gare vanno lette ciascuna in modo diverso: a Firenze abbiamo sbagliato partita, mentre contro Roma e Bologna, pur commettendo degli errori, avremmo meritato di fare punti. Gli episodi incidono, è vero che in questo momento paghiamo tutto. A Bologna – è il pernsiero di Mazzarri – si è vista una crescita della squadra. Nella fase difensiva siamo migliorati tanto, su altri dettagli dobbiamo ancora lavorare. Vorrei vedere applicare meglio le due fasi ed una transizione più veloce verso la porta avversaria, che è quello che ci è mancato lunedì scorso, un palleggio più rapido. Della gara mi è piaciuta la reazione dopo aver preso il gol di De Silvestri: siamo andati all'attacco, creando i presupposti per segnare". Domani sera in campo, poi la settimana della sosta del campionato per gli impegni delle Nazionali. "Anche qui diversi giocatori partiranno per gli impegni con le rispettive selezioni. Poche volte dal mio arrivo ho potuto svolgere una settimana tipo dal martedì alla domenica – è il rammarico di Mazzarri -, non è semplice mettere a punto gli automatismi, ho dovuto ricorrere alla mia esperienza per confezionare ogni volta una camicia diversa adatta alla partita che ci aspettava. Purtroppo il campionato è strutturato così, dobbiamo accettarlo ma le difficoltà sono oggettive". (ITALPRESS). ari/com 05-Nov-21 13:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Giroud “Non vedo l’ora di giocare il derby”

Articolo successivo

Rissa per un panino in una scuola di Carpi

0  0,00