Rally-raid: Danilo Petrucci alla Dakar 2022 con Ktm

3 minuti di lettura

"E' un sogno che si avvera", le parole del 31enne pilota ternano ROMA (ITALPRESS) – Danilo Petrucci potrà coronare un sogno. Il 31enne pilota ternano, dieci stagioni in MotoGp alle spalle con due vittorie e 10 podi, correrà la Dakar 2022 con i colori del Tech3 KTM Factory Racing Team. Lo comunica la stessa Ktm in una nota. Petrucci sarà accompagnato nel suo percorso di transizione dalla MotoGP alla Dakar dai fenomeni del team ufficiale, ovvero il vincitore della Dakar 2018 e neocampione del mondo cross-country rallies Matthias Walkner, il due volte campione Toby Price e il campione in carica Kevin Benavides. In un recente test a bordo di una Ktm 450 Rally ufficiale, l'ex ducatista ha avuto un assaggio della guida nel deserto e soprattutto della navigazione incredibilmente impegnativa richiesta per le gare di rally. Sotto l'occhio vigile del Rally Sport Manager di Ktm Jordi Viladoms, pilota di successo della Dakar e coordinatore di uno squadrone che ha conquistato per 18 anni consecutivi la competizione più dura del mondo, Petrucci ha preso le misure della sua nuova moto. Conclusa la stagione MotoGP, dunque, l'attenzione del pilota sarà completamente focalizzata sul miglioramento della sua educazione alla guida e alla navigazione, in vista della sua prima partecipazione alla Dakar, l'evento di 14 giorni e circa 8.000 chilometri, che per il terzo anno consecutivo si svolgerà in Medio Oriente, con start l'1 gennaio 2022. "Correre la Dakar è davvero un sogno che si avvera – ammette Petrucci – È un evento al quale ho sempre voluto partecipare fin da bambino, quando guardavo le videocassette delle edizioni disputatesi negli anni '80 e '90. Ora il sogno si sta avverando. Ringrazio Ktm per questa grande opportunità, sarò l'unico pilota che in poco più di un mese ha gareggiato in MotoGP e poi alla Dakar, quindi è con grande orgoglio e umiltà che mi presento al rally più duro del mondo. Il mio obiettivo principale è finire la gara e godermela. Il primo approccio è stato quello di fare un po' di allenamento da road book con Jordi Viladoms, che è stato fantastico nell'aiutarmi a imparare questa speciale arte. In un recente test sulle dune di Dubai ho avuto un primo assaggio con la Ktm 450 Rally e ho avuto il piacere e il grande onore di guidare con i piloti ufficiali di Ktm: è stato bello vederli danzare alla massima velocità sulla sabbia, e si sono dimostrati tutti super gentili e disponibili con me. Spero che la preparazione per il prossimo mese sia sufficiente, di sicuro sarà una gara dura, ma sono emozionato e impaziente". (ITALPRESS). glb/com 10-Nov-21 13:14

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, dalla Commissione Ue contratto per un nuovo candidato vaccino

Articolo successivo

Mondiali2022: Nazionale. Chiellini lascia il ritiro

0  0,00