Nba: Curry trascina Warriors, Doncic e Jokic show, crisi Lakers

4 minuti di lettura

Sesta sconfitta di fila per Atlanta, solo 2 punti per Gallinari NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Stephen Curry formato Mvp e Golden State al settimo successo di fila, l'undicesimo in 12 gare stagionali. A Ovest i Warriors continuano a dettare legge: ne fa le spese Chicago (119-93), che cade sotto i colpi di un Curry in grande spolvero (40 punti con 9 triple) ma ben supportato dal resto della squadra (9 punti, 9 rimbalzi e 7 assist per Green, 15+9 per Wiggins, 14 punti per Poole). L'unico passo falso stagionale resta dunque la sconfitta contro Memphis all'overtime lo scorso 28 ottobre ma a Ovest c'è un'altra squadra on-fire: sono i Suns vicecampioni Nba, che come Golden State allungano a 7 la striscia positiva battendo i Grizzlies 119-94 (17 punti a testa per Booker e Crowder, 15 punti e 12 assist per Paul). Torna al successo Dallas (123-109 su San Antonio), dove Kristaps Porzingis sfodera la sua miglior prestazione stagionale (32 punti) e Luka Doncic mette a referto una tripla doppia da 32 punti, 12 rimbalzi e 15 assist. Non è da meno Nikola Jokic (22+19+10), che al rientro dalla squalifica trascina Denver contro Atlanta (105-96). Per il centro serbo è la 59esima tripla doppia della carriera, raggiunto un mito come Larry Bird all'ottavo posto nella classifica all-time. Continua invece la crisi di Atlanta (sesto ko consecutivo), dove non basta il solito Young (30 punti) e con un Danilo Gallinari che chiude con appena due punti (1/7 dal campo con 0/2 da tre), cinque rimbalzi e un assist in 17 minuti. Male anche i Lakers, travolti 107-83 da Minnesota: Karl-Anthony Towns sigla 18 dei suoi 29 punti in un terzo quarto dominato dai Wolves (40-12 di parziale). "Giocando così non vinceremo niente – scuote i compagni Anthony Davis (22 punti e 8 rimbalzi) – Dobbiamo decidere chi vogliamo essere perchè oggi non siamo una squadra da titolo". Ancora out LeBron James, 20 punti per Westbrook nel giorno del suo 33esimo compleanno. Chiudono il quadro della Western Conference i successi di Portland (104-92 su Houston, decimo ko di fila per i Rockets) e Oklahoma City (105-103 contro Sacramento). A Est Brooklyn tiene il passo della capolista Washington: 120-112 per i Nets, che si complicano la vita sprecando 21 punti di vantaggio nella seconda parte di gara ma ringraziano i soliti Harden (39 punti e 12 assist) e Durant (28 punti di cui sei gli ultimi 3 minuti di partita) per quella che è la settima vittoria in otto uscite. Costretti a rinunciare a Giannis Antetokounmpo per un problema alla caviglia a un'ora e mezza dalla palla a due, i Bucks cedono solo all'overtime contro Boston (122-113), dove brillano Schroeder (38 punti, massimo stagionale) e Tatum (27 punti e 11 rimbalzi): quarto successo in cinque gare per i Celtics, in crescita dopo un avvio di stagione complicato. Charlotte rimonta da -16 e beffa i Knicks 104-96 (12 punti, 17 rimbalzi, 9 assist e cinque palle recuperate per LaMelo Ball) mentre Cleveland ha la meglio su Detroit (98-78): Evan Mobley (16 punti e 7 rimbalzi), numero 3 all'ultimo draft, si aggiudica anche la sfida fra rookie con la prima scelta assoluta Cade Cunningham, che chiude con 9+6 e sette palle perse. (ITALPRESS). glb/red 13-Nov-21 10:18

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Fiorentina, Nico Gonzalez finalmente negativo al Covid-19

Articolo successivo

Intesa Sanpaolo nei Dow Jones Sustainability Indices

0  0,00