Calcio: Serie A. Allegri “Buona partita, siamo in crescita”

3 minuti di lettura

"Lasciati tanti punti con medie e piccole perché non avevamo il giusto atteggiamento" ROMA (ITALPRESS) – "La squadra ha fatto una bella partita anche se abbiamo avuto troppe occasioni per far gol e non le abbiamo sfruttate. I nostri giocatori hanno grande potenzialità, sono molto bravi ad arrivare vicino all'area, poi siamo troppo frettolosi quando si deve fare la scelta decisiva". Comincia così la sua analisi Massimiliano Allegri dopo il successo della sua Juventus con la Lazio. "Le partite le devi giocare fino alla fine" sottolinea il tecnico che negli ultimi minuti si è arrabbiato per qualche errore di sufficienza dei suoi: "Se prendiamo gol – dice Allegri – a parte che non è bello, rischi che poi ti mettono un'altra palla in area e succede un casino. Comunque oggi abbiamo fatto tanti tiri in porta, ci sono state anche alcune occasioni potenziali sbagliate. Credo comunque che la squadra ha fatto bene non concedendo neanche un'occasione pulita alla Lazio. Abbiamo gestito bene la palla salvo qualche scelta sbagliata. Non è semplice con le squadre di Sarri che sono brave nel palleggio. Battuto il sarrismo? Io mi diverto, non è questione di sarrismo – prosegue Allegri -. A chi non piace giocare? Il calcio è anche strategia, non puoi pensare di poter tenere sempre la palla, c'è anche il momento di difendere. Non è scritto sul protocollo cosa succede in una partita dal primo al novantesimo. Siamo molto contenti, pensavo che la Lazio teneva il pallone al 70%, invece siamo stati bravi a tenere il 46%. Su questo aspetto siamo un pochino migliorati" dice il tecnico che poi si complimenta con alcuni suoi giocatori. "Rabiot ha fatto bene, anche Locatelli, McKennie e Pellegrini. Per lui era una partita difficile, ha sbagliato qualche palla però ha fatto bene. Rabiot poteva giocare altri 90 minuti e ha limitato benissimo Milinkovic con De Ligt. La differenza la fa lo spirito con cui giochiamo. Siamo in crescita poi i risultati aiutano a cementare le certezze" spiega Allegri. "Io non ho mai visto una grande squadra che ha vinto le partite con sufficienza e superficialità, ci vuole rispetto degli avversari. Quest'anno abbiamo lasciato tanti punti con medie e piccole perché non avevamo il giusto atteggiamento". (ITALPRESS). mra/gm/red 20-Nov-21 20:50

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Open, Renzi “Macchina del fango, chiederò di parlare a tutte le udienze”

Articolo successivo

Calcio: Serie A. Sarri “Siamo mancati negli ultimi dieci metri”

0  0,00