Calcio: Abete “Voglio dare serenità a Lnd, non penso a candidarmi”

3 minuti di lettura

"Nazionale ai Mondiali? Dobbiamo essere fiduciosi" ROMA (ITALPRESS) – "L'obiettivo è dare serenità al mondo dei Dilettanti, colpito come altre realtà dalla pandemia, e ricreare le condizioni per un governo democratico cercando di far sì che i principi della Figc vengano recepiti dalla Lega". Lo ha dichiarato Giancarlo Abete, commissario straordinario della Lnd, intervenuto a "La Politica nel Pallone" su Rai Gr Parlamento. "I tempi dipendono naturalmente dall'approvazione dei bilancio e delle norme definite dal sottoscritto e poi validate dalla federazione e dal Coni. Il commissariamento ha una durata massima di sei mesi ma non è mia intenzione utilizzare tutto il tempo, vogliamo fare il più velocemente possibile", ha aggiunto Abete, che ha infine escluso una candidatura alla presidenza: "È un problema che non mi pongo, io devo fare il commissario. Non voglio andare oltre in termini di riflessioni e valutazioni: sono stato nominato e non eletto, chi mi conosce sa che voglio fare il meglio. Oggi ci sono problemi e noi dobbiamo dare ai Dilettanti la possibilità di scegliere il proprio vertice", ha detto ancora Abete. Che sulla qualificazione della Nazionale ai Mondiali del 2022 si dice "fiducioso. Dobbiamo esserlo perché questa squadra ha dimostrato di avere grandi capacità e di saper risolvere positivamente partite anche complesse. Naturalmente oggi ci può essere una maggiore difficoltà, perché ormai la nazionale è conosciuta, ma la ricchezza dell'Europeo è stata la vastità degli schemi utilizzati da Mancini. Sappiamo che è un play-off complesso e atipico rispetto al passato, ma ci sono tutte le condizioni per andare avanti". "Oggi lo scenario è diverso rispetto al passato, non bisogna commettere l'errore di ritenere l'Italia una squadra non competitiva – ha proseguito l'ex numero uno della Figc – Bisogna stare attenti a non delegittimare un gruppo vincente, soltanto pochi mesi fa abbiamo fatto una grande impresa e questa va valorizzata. Cosa dovrebbe fare Gravina in caso di eliminazione dai Mondiali? Deve fare quello che sta facendo molto bene, cioè il presidente federale. Bisogna ragionare in modo positivo e mantenere le proprie titolarità: il presidente deve affrontare i tanti problemi portati dalla pandemia, Mancini e i giocatori faranno il resto". (ITALPRESS). spf/glb/red 22-Nov-21 15:24

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

E’ morto Paolo Pietrangeli, l’autore di “Contessa”

Articolo successivo

Calcio: Inter, Ausilio “Con Napoli non poteva andare meglio”

0  0,00