Okereke “Venezia con i piedi per terra, Inter? Può succedere di tutto”

2 minuti di lettura

"Non dobbiamo abbassare la guardia", dice l'attaccante arancioneroverde VENEZIA (ITALPRESS) – Senza dubbio è uno degli uomini del momento del Venezia, sempre più decisivo con i suoi gol. Nelle ultime due settimane, David Okereke ha steso prima la Roma e poi il Bologna, regalando sei punti agli arancioneroverdi. In precedenza, era andato a segno a Empoli, altra vittoria lagunare, e in casa del Sassuolo ma in quell'occasione vinsero gli emiliani. "La partita di Bologna non era facile ma l'abbiamo gestita bene, capendo quando c'era da difendere o da attaccare. Dopo il successo contro la Fiorentina siamo andati così così (sconfitte con Sassuolo e Salernitana) e ora non dobbiamo abbassare la guardia, bisogna pensare solo a lavorare bene ogni giorno, rimanendo con i piedi per terra". L'attaccante spiega com'è nata l'esultanza di mettere il dorso della mano sotto il mento a ogni gol. "È dedicata ai miei amici in Nigeria. Quando giocavo con loro, chi segnava faceva quel gesto e ora mi diventa automatico farlo. Sabato affronteremo l'Inter e chissà, tutto può succedere: sappiamo com'è fatto il calcio. Come si battono i nerazzurri? Non lo so, dovete chiederlo a Zanetti" continua l'attaccante arancioneroverde. Più volte mister Paolo Zanetti lo ha elogiato, rimarcando le sue doti e un potenziale molto elevato. "Abbiamo tutti bisogno di tirare fuori quello che abbiamo dentro, un po' alla volta sto capendo chi sono; ricordo ancora quando sei anni fa ero alla Lavagnese in Serie D, ora sono in A in campionato che seguivo in tv: è uno stimolo in più" aggiunge la punta. Quattro gol in stagione ma pure qualcuno fallito. E Okereke li ricorda bene tutti. "Penso al gol fallito contro il Sassuolo: avessi segnato, forse la gara non avrebbe preso quella piega. Invece ricordo bene la rete contro la Roma. Non so se queste mie prestazioni serviranno a essere convocato per la Coppa d'Africa; se così non fosse, resterò qui a Venezia". (ITALPRESS). rag/ari/red 24-Nov-21 15:54

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Rivoluzione green per le scuole di Fiumicino, stop a emissioni di CO2

Articolo successivo

Si chiude il “1° Meeting dei Comuni Plastic free”, focus sul Lazio

0  0,00